TimvisionDaznProblemi e Disservizi

DAZN svela l’indennizzo: un mese gratuito per i disservizi del pomeriggio del 23 Settembre 2021

DAZN, come già anticipato ieri in seguito al problema tecnico verificatosi intorno alle ore 18:30, ha confermato l’indennizzo per tutti i clienti impattati, che riceveranno una comunicazione nei prossimi giorni.

Il disservizio, segnalato sui social, ha coinvolto la prima parte del primo tempo delle partite di Serie A Torino – Lazio (in co-esclusiva con Sky) e Sampdoria – Napoli (in esclusiva), iniziate alle ore 18:30.

Questa volta, per mezz’ora circa, l’App DAZN per tutte le piattaforme disponibili e il sito web del servizio in streaming hanno mostrato un errore generico già all’avvio, che non ha permesso ai clienti di accedere nemmeno alla home page del servizio con il calendario degli eventi.

Nella serata di ieri, DAZN ha confermato il disservizio, annunciando un indennizzo per “tutti gli utenti che sono stati impattati dal problema”.

Quest’oggi, 24 Settembre 2021, il servizio di streaming sportivo ha fornito ulteriori informazioni, confermando che tutti i clienti impattati riceveranno un mese di visione gratuita senza costi aggiuntivi.

Di seguito la nota ufficiale di DAZN:

In relazione a quanto accaduto nel corso delle partite delle 18.30 del 23 settembre, DAZN conferma che tutti i clienti impattati, ovvero coloro che non sono riusciti ad accedere all’APP fino al ripristino del servizio, potranno usufruire di un mese di visione senza ulteriori costi aggiuntivi. Tali utenti riceveranno nel corso dei prossimi giorni, direttamente da DAZN, una comunicazione via e-mail a conferma dell’offerta di un mese gratuito.

DAZN ribadisce, inoltre, che prosegue il dialogo e il confronto con la Lega Serie A in un immutato clima di collaborazione e trasparenza.

Stando a quanto riportato, dunque, i clienti che non sono riusciti ad accedere all’App fino al ripristino potranno usufruire di un mese di visione senza costi aggiuntivi e riceveranno, direttamente da DAZN, una comunicazione via mail a conferma dell’offerta.

Secondo fonti verificate, anche TIM ha reso noto l’arrivo dell’indennizzo per i clienti con abbonamento TIMVISION Calcio e Sport coinvolti, diffondendo la seguente nota:

“Ci scusiamo per il disservizio occorso sulla piattaforma DAZN che ha impedito la visione dei contenuti. Desideriamo informare che tutti i clienti con abbonamento Calcio e Sport coinvolti riceveranno un indennizzo secondo modalità e tempi che saranno a breve definiti da DAZN”.

La Lega Serie A non ha commentato il disservizio di ieri, ma l’Associazione CODICI, che richiede da tempo rimborsi, ha espresso nuovamente la sua contrarietà rispetto alla gestione dello streaming da parte di DAZN.

Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di CODICI, è infatti tornato sull’argomento con le seguenti parole:

“Non è possibile andare avanti così, è trascorso un mese dall’inizio del campionato di Serie A, si sono giocate cinque giornate e gli abbonati devono ancora fare i conti con i problemi di DAZN. Con ieri possiamo tranquillamente dire che si è passato il limite. Gli utenti non hanno potuto vedere le partite Sampdoria – Napoli e Torino – Lazio per circa mezz’ora. Praticamente, è saltato il primo tempo, con la piattaforma che è risultata inaccessibile. È l’ennesima dimostrazione di un servizio che finora è stato un disservizio per tanti consumatori. Dopo aver negato per settimane i problemi riscontrati dagli abbonati e segnalati da noi, ora DAZN cerca di salvarsi in calcio d’angolo, annunciando un non meglio precisato indennizzo. Non si fa così.

Il tempo è scaduto, è da settimane che la piattaforma streaming avrebbe dovuto rimborsare gli utenti per i problemi riscontrati, gli improvvisi blackout, il ritardo della trasmissione e il buffering, solo per citarne alcuni. Abbiamo inviato delle diffide a DAZN, ci hanno risposto che per loro era tutto in regola. La realtà, purtroppo, è un’altra ed è per questo che abbiamo deciso di avviare una class action non solo per il rimborso, ma anche per il risarcimento dei danni subiti dagli abbonati, che non meritano un servizio del genere, soprattutto dopo che è passato un mese dall’inizio del campionato e che dalle Autorità e dalle istituzioni sono arrivati una serie di richiami al fine di migliorare la situazione”.

Giacomelli, che parla di un “non meglio precisato indennizzo” (che è stato invece adesso specificato da DAZN, nella forma di un mese gratis di abbonamento) ha reso noto, dunque, che l’Associazione CODICI intende avviare una class action per il rimborso e il risarcimento dei danni subiti dagli abbonati.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

MondoMobile.News

Back to top button