Reti 5G

5G Summit di realme: nei prossimi anni obiettivo smartphone 5G a 100 dollari

Si è tenuto oggi, 3 Giugno 2021, il primo 5G Summit di realme, in cui il brand di smartphone ha discusso in merito alla tecnologia 5G insieme a GSMA, Counterpoint Research e Qualcomm.

L’evento si è aperto con un’analisi da parte di GSMA in cui si è parlato del tasso di crescita della tecnologia 5G in diversi mercati emergenti. Stando ai dati riportati, ad Aprile 2021 sono 60 i Paesi del mondo in cui sono state lanciate le rete 5G, di cui 12, prevalentemente in Asia, rappresentano Nazioni con salari bassi o medi.

I dati sullo sviluppo del 5G e dei terminali compatibili

Parlando di smartphone compatibili, la principale criticità appare essere il costo degli stessi, a cui si affianca la carenza di digital skills e poi ancora problemi di sicurezza nell’utilizzo (questi ultimi particolarmente percepiti in America Latina, parlando di mercati con salari bassi o medi).

Tuttavia, i costi degli smartphone 5G stanno rapidamente decrescendo nei mercati emergenti, particolarmente in Asia e Africa rispetto al 2017 e in buona misura anche negli altri continenti. In particolare, nel Sud del continente Asiatico il tasso di adozione di smartphone tra i clienti di età adulta è salito dal 36% al 47% mentre nell’Africa subsahariana lo stesso è passato dal 26% al 38%.

Un altro aspetto fondamentale mostrato nel corso del 5G Summit di oggi è rappresentato dal costo del traffico dati fornito dagli operatori, che è diventato molto più economico rispetto al passato. Nonostante ciò, permangono importanti differenze tra i vari continenti, con il traffico dati ancora più costoso nell’Africa subsahariana, mentre nella parte meridionale del Continente asiatico i prezzi sono già in linea con quelli dei Paesi più ricchi.

Tutti i dati presentati hanno permesso ai partecipanti di evidenziare la necessità di “democratizzare il 5G” per favorirne l’adozione in tutti i mercati del mondo e incrementare il numero di utenti. Realme ha ricordato infatti di aver lanciato 14 dispositivi 5G in 21 mercati ed entro il 2022 l’azienda mira a offrire oltre 20 device 5G per guidare il settore lanciando nei prossimi anni anche uno smartphone 5G a un prezzo di circa 100 dollari, per favorire la rivoluzione della quinta generazione di connettività.

Per raggiungere lo stesso obiettivo, nel 2021 realme istituirà sette centri di ricerca e sviluppo a livello globale dedicati all’esplorazione di tecnologie e prodotti 5G. L’investimento stimato nella ricerca sul 5G, nello sviluppo di prodotti e della diffusione globale sarà di circa 300 milioni di dollari nei prossimi due anni.

Di seguito le dichiarazioni di Maddhav Sheth, CEO India ed Europa di realme, fornite nel summit odierno intitolato “Making 5G Global: Accessibility for All” in merito alla strategia della sua azienda:

“A partire dal nostro primo modello 5G, realme X50, abbiamo esplorato nuovi concept in termini di design da un lato e innovazioni tecniche all’avanguardia dall’altro per offrire agli utenti dispositivi 5G più sottili e accattivanti sotto il profilo del design, ma al tempo stesso estremamente potenti. Per realme contribuire ad accelerare l’adozione del 5G è una missione cruciale. Ci impegniamo a diffondere il 5G ascoltando le esigenze dei consumatori, puntando sull’innovazione dei prodotti e contribuendo a costruire il più ampio ecosistema 5G con i nostri partner del settore.”

Il parere del CEO è stato ripreso anche da Johnny Chen, Brand Director di realme, che ha parlato della necessità di coinvolgere le giovani generazioni, i cosiddetti nativi digitali, permettendo loro di accompagnare più persone verso l’adozione del 5G.

Gli altri ospiti al 5G Summit di realme

Nella seconda parte dell’evento, hanno preso la parola diversi altri ospiti, di GSMA Intelligence, Counterpoint Research e Qualcomm.

Partendo con Kalvin Bahia, Principal Economist di GSMA Intelligence, il suo intervento al summit si è concentrato sui dati sopra esposti relativi proprio allo sviluppo del 5G nel mondo.

Secondo Bahia, occorre prestare particolare attenzione ai risultati di un sondaggio GSMA, secondo cui il tasso di crescita della copertura 5G è incoraggiante ma ostacolato dai prezzi e dalla mancanza di alfabetizzazione digitale. Nel corso dei prossimi dieci anni, il 5G potrà contribuire all’economia globale con circa 600 miliardi di dollari, per cui l’invito di Bahia è quello di accelerare con l’adozione dei terminali compatibili.

Ha preso poi la parola Peter Richardson, Co-founder di Counterpoint Research, che ha analizzato la riduzione dei prezzi degli smartphone come fattore trainante per la più rapida adozione di device 5G. Secondo quanto riportato, infatti, “lo scorso anno in Cina prodotti 5G altamente competitivi sono stati offerti a prezzi accessibili e realme è stata in prima linea con il suo V3 5G, venduto a circa 145 dollari. realme sta contribuendo a diffondere questa tecnologia in molti altri paesi grazie a una serie di prodotti interessanti, caratterizzati da ottime feature e proposti a prezzi sorprendentemente convenienti”.

Ha chiuso infine il primo 5G Summit di realme il Presidente di Qualcomm India & SAARC, Rajen Vagadia, che ha fornito una prospettiva sull’importanza di impiegare chipset 5G per massimizzare i miglioramenti tangibili degli smartphone odierni sul fronte dei componenti e dell’hardware utilizzato.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button