TiscaliTiscali FissoRimodulazioni TariffarieReti e Frequenze

Tiscali rete fissa, modifica alle condizioni contrattuali: avviata sostituzione reti in rame

Tiscali sta attuando una nuova modifica alle sue Condizioni Generali di Contratto, in questo caso relativamente ai clienti di rete fissa consumer e ai clienti Business sia di rete fissa che di rete mobile.

Per i nuovi clienti Tiscali dei segmenti di mercato appena citati, le nuove condizioni generali di contratto dei relativi servizi di rete fissa o rete mobile sono in vigore da oggi, 3 Febbraio 2021.

Per quanto riguarda la modifica contrattuale per i già clienti, l’operatore ha pubblicato sul suo sito un avviso denominato “Modifica delle condizioni contrattuali: Servizio fisso (Clienti Privati e Business) e Mobile (Clienti Business)”.

In particolare, le nuove condizioni generali di contratto Tiscali entreranno progressivamente in vigore a partire dal 1° Aprile 2021 per i già clienti coinvolti.

L’operatore motiva le novità introdotte per via di “esigenze tecniche connesse al mutamento delle piattaforme di rete e per poter attuare il piano d’innovazione”.

Nello specifico, per quanto riguarda i clienti Tiscali di rete fissa consumer, verranno introdotte le modifiche ai seguenti articoli nelle Condizioni Generali di Contratto: 5. Corrispettivi e modalità di pagamento; 7. Modalità di fornitura del Servizio, malfunzionamenti e reclami; 9. Vicende relative al Contratto e disciplina del rapporto.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

modifica condizioni generali contratto

Per informare i clienti consumer di rete fissa di queste novità, l’operatore ha anche inserito un’apposita comunicazioni in fattura, in cui viene specificato che la modifica delle condizioni contrattuali viene introdotta anche per via dell’avvio del piano di innovazione tecnologica dell’infrastruttura di rete fissa di Tiscali.

Questo prevede la progressiva sostituzione delle piattaforme di rete tradizionali, basate sull’utilizzo del doppino in rame, con quelle di nuova generazione, che utilizzano la fibra ottica.

Come sottolinea poi l’operatore, tale programma “è in linea con l’attuale evoluzione di mercato che comporta l’utilizzo da parte dell’utente di strumenti e applicazioni che necessitano di sempre più elevata velocità di trasmissione dati al fine della loro completa fruizione”.

Per fare tutto ciò è stato modificato in particolare l’articolo 9 delle condizioni generali di contratto dei clienti Tiscali consumer di rete fissa.

Inoltre, sempre a proposito dei cambiamenti introdotti, c’è anche un novità per l’articolo 5.3, riguardante l’eventualità di mancato, o parziale, pagamento dei corrispettivi dovuti.

In questo caso, è stato esteso da 7 a 40 giorni, a partire dal ricevimento di apposita diffida scritta di pagamento, il periodo al termine del quale Tiscali si riserva di sospendere il servizio. Inoltre, Tiscali ha aggiunto che nel caso in cui il cliente provveda al pagamento degli importi dovuti successivamente alla sospensione del servizio, “Tiscali si riserva il diritto di richiedere il pagamento di un contributo di riattivazione a ristoro dei costi sostenuti, nella misura indicata tempo per tempo nella Carta dei Servizi”.

Tiscali rete fissa

Per quanto riguarda invece i clienti Tiscali del segmento Business, sia di rete fissa che di rete mobile, le modifiche alle Condizioni Generali di Contratto riguardano i seguenti articoli: 2. Conclusione del Contratto ed erogazione del Servizio; 4. Corrispettivi e modalità di pagamento; 6. Modifiche delle Condizioni di Contratto – Comunicazioni tra le parti; 7 Durata – Recesso; 8. Utilizzo del Servizio e Sospensione; 10 Modalità di fornitura del Servizio, malfunzionamenti e reclami; 12. Servizi di Roaming.

In tutti i casi, i clienti Tiscali che non intendono accettare le variazioni contrattuali sopra indicate, hanno sempre il diritto di recedere dal contratto, anche passando ad altro operatore, senza penali né costi di disattivazione, ai sensi dell’articolo 70, comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche.

Per farlo bisognerà darne comunicazione all’operatore rispettivamente: entro il 31 Marzo 2021, se l’informativa è stata ricevuta nel ciclo di fatturazione di Febbraio 2021 (nuove condizioni contrattuali efficaci dal 1° Aprile 2021); entro il 30 Aprile 2021, se l’informativa sarà inserita nel ciclo di fatturazione di Marzo 2021 (nuove condizioni contrattuali in vigore dal 1° Maggio 2021); entro il 31 Maggio 2021, se l’informativa è stata ricevuta nel ciclo di fatturazione di Aprile 2021 (nuove condizioni efficaci dal 1° Giugno 2021).

Nella comunicazione di recesso andrà indicata la causale “modifica condizioni contrattuali” e dovrà essere trasmessa a Tiscali secondo le seguenti modalità: Comunicazione tramite email pec inviata a [email protected]; A mezzo raccomandata A/R inviata a Tiscali Italia S.p.A. – Ufficio Gestione Contratti Località Sa Illetta – Strada Statale 195 Km2.300 09123 – Cagliari; Recandosi presso un negozio Tiscali; Contattando il Servizio Clienti al 130.

Tiscali ricorda che nel caso in cui si eserciterà il diritto di recesso con le modalità appena indicate, e nonostante ciò si riceva una fattura con l’applicazione del contributo di disattivazione, questo importo sarà stornato.

Si ringraziano Andrea e Vincenzo per le segnalazioni

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button