ho.Problemi e DisserviziSicurezza Mobile

ho. Mobile: comunicazioni via SMS, email e chiamate a chi è coinvolto dal furto di alcuni dati

Nel messaggio ho. ricorda nessuna sottrazione di dati di traffico e né di dati bancari

Dopo l’attacco ai suoi database da parte di ignoti, ho. Mobile ha fornito una prima informativa ufficiale sul suo sito, insieme a una comunicazione via SMS ai clienti impattati. In alcuni casi, l’operatore ha proceduto con un contatto telefonico e tramite mail e gli ex clienti stanno venendo contattati anche tramite un SMS dedicato.

Dalle verifiche effettuate da ho. Mobile, ancora in corso, emerge che sono stati sottratti illegalmente alcuni dati di parte della base clienti, con riferimento però ai soli dati anagrafici (nome, cognome, numero di telefono, codice fiscale, email, data e luogo di nascita, nazionalità e indirizzo) e ai dati tecnici della SIM.

Non sono stati sottratti invece dati relativi al traffico (come telefonate, SMS e attività web) e dati bancari o relativi a qualsiasi sistema di pagamento dei clienti.

La prima campagna SMS per i clienti colpiti è partita proprio nella giornata di ieri, 4 Gennaio 2021, dopo la comunicazione di ho. Mobile sull’attacco hacker che ha sottratto alcuni dati personali e dati tecnici della SIM di parte della base clienti.

Nell’SMS inviato ai suoi clienti impattati, ho. Mobile ha confermato di essere rimasta vittima di crimini informatici e ha assicurato di aver attivato nuovi livelli di sicurezza per mettere gli utenti al riparo dalla minaccia di potenziali frodi.

Nonostante ciò, l’operatore ha comunque comunicato che i clienti potranno in qualsiasi momento procedere alla sostituzione gratuita della SIM presso i punti vendita autorizzati (non online) portando un documento di riconoscimento e la SIM utilizzata.

L’operatore virtuale ha più volte ricordato, anche nei social, che solo i clienti che ricevono queste comunicazioni sono coinvolti da tale problematica.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

ho. Mobile

A ricevere l’SMS, secondo quanto esplicitato nell’informativa ufficiale, sono solo i clienti con dati sottratti dall’attacco hacker.

L’SMS rivolto ai clienti ho. Mobile colpiti è il seguente:

Ti scriviamo per informarti che purtroppo ho. Mobile, come numerose altre aziende, e’ rimasta vittima di crimini informatici che si sono intensificati durante la pandemia. Da analisi approfondite, tuttora in corso e in stretta collaborazione con le Autorita’ inquirenti, è emerso che è stata sottratta illegalmente una parte dei tuoi dati con riferimento solo ai dati anagrafici e dati tecnici della tua SIM. Non c’è stata alcuna sottrazione di dati di traffico (telefonate, SMS, attivita’ web, etc.) ne’ di dati bancari o relativi ai tuoi sistemi di pagamento. Abbiamo immediatamente attivato ulteriori e nuovi livelli di sicurezza per mettere tutti i clienti al riparo dalla minaccia di potenziali frodi. Potrai comunque richiedere in qualsiasi momento la sostituzione gratuita della SIM presso i punti vendita autorizzati ho. Mobile. Per maggiori dettagli vai su ho-mobile.it/comunicazione.

Si segnala che nella giornata di oggi, 5 Gennaio 2021, non dovrebbero essersi registrati ritardi di portabilità, di cui alcuni clienti si sono lamentati ieri.

In questi casi, è sempre importante considerare che, in riferimento alla delibera n. 147/11/CIR dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ogni operatore mette a disposizione degli altri operatori mobili una capacità di evasione giornaliera per ogni processo di portabilità del numero.

Secondo le segnalazioni raccolte, fino ad ora il ritardo è stato di un giorno lavorativo per alcuni clienti che hanno effettuato la portabilità in uscita. Per altri clienti non si è invece registrato nessun ritardo e nessun blocco di portabilità. In ogni caso, vanno sempre considerati i giorni festivi, che non vengono conteggiati nel processo di portabilità e dunque nelle tempistiche dichiarate dagli operatori.

A tal proposito, ho. Mobile sta inviando una comunicazione anche ai clienti che hanno richiesto la portabilità e agli ex clienti che sono stati impattati dall’attacco hacker, anche in questo caso informandoli dell’accaduto.

Il messaggio in questo caso differisce leggermente, perché è rivolto all’ex cliente che non dovrà chiaramente valutare la sostituzione della sua SIM, ma che l’operatore è comunque tenuto a informare.

Ecco il testo, leggermente diverso, della comunicazione via SMS agli ex clienti:

“Ti scriviamo per informarti he purtroppo ho. Mobile, come numerose altre aziende, è rimasta vittima di crimini informatici che si sono intensificati durante la pandemia. Da analisi approfondite, tuttora in corso e in stretta collaborazione con le Autorità inquirenti, è emerso che è stata sottratta illegalmente una parte dei tuoi dati con riferimento solo ai dati anagrafici e dati tecnici 8ormai obsoleti) della tua vecchia SIM. Non c’è stata alcuna sottrazione di dati di traffico (telefonate, SMS, attività web, etc.) né di dati bancari o relativi ai tuoi sistemi di pagamento. Per trovare maggiori dettagli vai su ho-mobile.it/comunicazione”.

Quelle fin qui mostrate sono le comunicazioni più comuni, giunte tramite SMS agli attuali clienti e agli ex clienti, o a chi aveva richiesto la portabilità da ho. Mobile.

Tuttavia, secondo le segnalazioni raccolte, ho. Mobile sta utilizzando anche altri canali di contatto. Infatti, l’operatore in alcuni casi sta anche contattando i suoi clienti tramite chiamate e sta inviando una comunicazione simile a quelle precedenti anche tramite mail.

Nel dettaglio, la comunicazione tramite mail viene inviata ai già clienti che hanno attivato un’offerta solo dati, come già annunciato nell’aggiornamento odierno dell’informativa ai clienti, ma anche ad alcuni attuali ed ex clienti. Di seguito la mail ricevuta da alcuni ex clienti:

“Gentile Cliente,

Ti scriviamo per informarti che purtroppo ho. Mobile, come numerose altre aziende, è rimasta vittima di crimini informatici che si sono intensificati durante la pandemia.

Da analisi approfondite, tuttora in corso e in stretta collaborazione con le Autorità inquirenti, è emerso che è stata sottratta illegalmente una parte dei tuoi dati con riferimento solo ai dati anagrafici e dati tecnici (ormai obsoleti) della tua SIM dati.

Non c’è stata alcuna sottrazione di dati di traffico (telefonate, SMS, attività web, etc.) nè di dati bancari o relativi ai tuoi sistemi di pagamento.Puoi trovare maggiori dettagli su ho-mobile.it/comunicazione

Il team ho.

ho. Mobile è un operatore virtuale di telefonia mobile gestito da VEI, società controllata al 100% da Vodafone. I clienti Vodafone non sono stati impattati e coinvolti.

Secondo fonti raccolte, nei Negozi Vodafone e contattando il Servizio Clienti 190 la risposta è sempre la stessa: “Vi comunichiamo che l’attacco informatico che ha visti coinvolti alcuni clienti di ho. Mobile a seguito di attività illecita di ignoti su dati di una parte della propria base clienti, non ha impattato e coinvolto in alcun modo i clienti di Vodafone Italia”.

I problemi hanno riguardato dunque esclusivamente i sistemi ho. Mobile, i cui livelli di sicurezza, come confermato il 4 Gennaio 2021 da VEI, sono stati ora innalzati.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button