Reti 5G

Nokia: raggiunta quota 100 contratti e un totale di 160 impegni commerciali 5G

Nella giornata di oggi, 2 ottobre 2020, Nokia ha annunciato di aver siglato, nel terzo trimestre 2020, 17 nuovi accordi commerciali 5G, raggiungendo così quota 100 contratti con singoli clienti e un totale di 160 impegni commerciali inerenti la rete di ultima generazione.

Tra questi, la multinazionale finlandese ha incluso anche le implementazioni trial a pagamento, il nuovo accordo 5G, firmato di recente con BT, operatore telefonico privato del Regno Unito, e quello rinnovato con Elisa, compagnia telefonica Finlandese.

In questo modo, fa sapere Nokia, l’azienda sarebbe è presente in tutti i mercati 5G early adopter, con accordi firmati con CSP di Stati Uniti, Giappone e Corea.

Se l’88% degli accordi commerciali 5G sono in atto con gli operatori, la restante percentuale riguarda invece le imprese. Nokia ha fatto sapere, infatti, che 12% dei suoi accordi 5G ha a che fare con clienti enterprise, con implementazioni, anche recenti, di reti private wireless che includono Deutsche Bahn, Toyota Production Engineering e Sandvik. La multinazionale dichiara, inoltre, di possedere un portafoglio di 180 clienti di servizi privati wireless che, con molta probabilità, effettueranno la migrazione al 5G.

Nokia

Tommi Uitto, President of Mobile Networks di Nokia, si è espresso così al riguardo:

Siamo entusiasti di aver superato questo traguardo 5G. Sappiamo che c’è ancora da fare e che il mercato rimane altamente competitivo. Ma ci stiamo muovendo rapidamente e questi conseguimenti rendono chiaro che i nostri progressi sono riconosciuti dai clienti. Apprezziamo profondamente il loro continuo sostegno e ci impegniamo a fare altrettanto.

Secondo quanto riportato nel suo comunicato stampa, Nokia associa la sua crescente adozione del 5G ai suoi progressi tecnologici che vedono, a febbraio 2020, l’implementazione del network slicing 4G e 5G, che consente agli operatori di fornire ai propri clienti “fette” uniche e isolate della rete end-to-end, personalizzate per applicazioni specifiche e, ad aprile 2020, l’introduzione della soluzione DSS (Dynamic Spectrum Sharing), che supporta la condivisione dello spettro tra 2G, 3G, 4G e 5G.

A luglio 2020, si legge ancora, la società ha annunciato la capacità di effettuare la migrazione di cinque milioni di unità radio 4G legacy al 5G tramite un aggiornamento software, in grado di facilitare il passaggio al 5G agli operatori, oltre a rendere disponibile la propria tecnologia 5G private wireless standalone (SA).

Ad Agosto 2020, infine, Nokia ha contribuito al lancio del 5G SA su larga scala con T-Mobile negli Stati Uniti.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button