Reti 5G

5G VoNR: ZTE realizza un un altro test utilizzando un SoC Mediatek

ZTE ha annunciato di aver effettuato un’altra chiamata sulla banda di frequenza a 700 MHz con standard Voice Over New Radio (VoNR), dopo il primo traguardo raggiunto con Qualcomm. Questa volta, il partner dell’azienda è stato Mediatek.

La chiamata in 5G è stata svolta per mezzo dei prodotti commerciali di ZTE nella test base di Xi’an, capoluogo della provincia dello Shaanxi, in CIna.

La chiamata è stata eseguita in conformità con le specifiche della Release 15 3GPP sulla banda a 700 MHz (n28) utilizzando la stazione base 5G NR di ZTE e un dispositivo di test 5G del fattore di forma di uno smartphone alimentato da un SoC MediaTek Dimensity 800 5G.

Poco tempo fa, l’azienda aveva raggiunto lo stesso traguardo utilizzando un modem Qualcomm Snapdragon 5G.

Secondo ZTE, la banda a 700 MHz si rivela fondamentale per fornire ampia copertura e forte penetrazione e continuità del servizio, supportando inoltre la costruzione e il funzionamento di reti a costi contenuti.

Per questa ragione, l’azienda ha comunicato di aver intensificato recentemente i suoi sforzi in termini di ricerca e sviluppo sulla banda a 700 MHz, introducendo come risultato una gamma completa di prodotti end-to-end.

Secondo gli ultimi dati presentati, infatti, ZTE destina ancora circa il 10% dei suoi ricavi annuali per investimenti in R&S, in questo periodo strettamente legati alla nuova tecnologia 5G.

Grazie alla sua rete di partner, tra cui appunto Mediatek e Qualcomm, ZTE ha dunque soddisfatto i requisiti commerciali dei prodotti a 700 MHz attraverso i test svolti sullo standard VoNR.

Nel caso specifico, la partnership con Mediatek si concentra quindi in questo periodo sulla verifica del VoNR negli smartphone e dispositivi simili abilitati al 5G, per fornire il prima possibile la nuova tecnologia a imprese e clienti in tutto il mondo.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button