Digi Mobil

Digi Mobil raggiunge 238.000 clienti in Italia, ARPU in calo

L’operatore rumeno Digi, di proprietà di RCS & RDS e attivo in Italia con il virtuale Digi Mobil, ha pubblicato oggi i risultati del primo trimestre, con un focus anche sul mercato italiano.

Il Gruppo ha mostrato ricavi per 313,2 milioni di euro, in crescita del +11% rispetto all’anno scorso, e una customer base complessiva di oltre 16,5 milioni di clienti, in crescita del +9%.

L’azienda è attiva in quattro mercati, ovvero Romania (il mercato domestico), Ungheria, Spagna e Italia. Il mercato italiano è già da tempo indicato nei documenti finanziari con la dicitura “Altri”, ma nelle note è possibile leggere che i risultati presentati riguardano esclusivamente le operazioni svolte in Italia.

In termini di ricavi, il mercato italiano è infatti il più piccolo, mentre invece il mercato domestico e quello spagnolo mostrano i valori più elevati, in netta crescita. In basso un grafico dell’azienda sui principali dati dei quattro Paesi in cui Digi è attivo.

Come sopra accennato, nella categoria “Other” vengono riportati solo i dati delle operazioni in Italia.

Come è possibile notare, il mercato rumeno contribuisce per 193,2 milioni di euro di ricavi, ovvero circa il 60% del totale, con un EBITDA Adjusted di 91,4 milioni di euro e con una base clienti attualmente pari a 11,6 milioni di clienti circa.

In Ungheria, Digi ha invece segnato ricavi per 52,3 milioni di euro nel trimestre, raggiungendo quota 2,48 milioni di clienti. La Spagna, un mercato che continua a crescere in termini di ricavi e customer base, presenta invece ricavi per 62,6 milioni di euro e rappresenta dunque il secondo mercato del Gruppo in tal senso; la base clienti ha raggiunto invece quota 2,17 milioni.

Infine, in Italia il virtuale Digi Mobil attivo su rete TIM in 4G, ha generato ricavi per 6,1 milioni di euro, con un totale di 238.000 clienti.

Dai dati presentati, si nota come la Romania e la Spagna siano i due mercati principali per l’azienda, con un forte incremento anno su anno in termini di ricavi ed EBITDA. Nel primo trimestre dell’anno, la Spagna ha raggiunto infatti i 2 milioni di clienti nel mobile, mentre nel mercato domestico Digi ha incrementato i clienti sul fisso.

A tal proposito, si evidenzia che in Italia Digi è attivo solamente nei servizi di rete mobile, mentre in tutti gli altri mercati l’azienda offre anche servizi di rete fissa (in Spagna ancora caratterizzati da una bassa penetrazione in questa prima fase, con un totale di 157.000 clienti di cui 44.000 solo voce).

Il grafico sulla distribuzione della customer base di Digi.

Analizzando infine gli ARPU, vale a dire i ricavi per singolo cliente, prezzi più elevati sul mobile sono quelli spagnoli, cresciuti rispetto all’anno scorso del +2,2%, a quota 9,5 euro.

In Romania, l’ARPU sul mobile è di 4,7 euro mentre in Ungheria secondo l’ultima rilevazione non ancora aggiornata, questo era di 6,8 euro. In Italia, invece, l’ARPU di Digi Mobil si è contratto, raggiungendo quota 8,3 euro al mese, contro gli 8,7 dell’anno scorso.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Chiaramente, anche per Digi Mobil l’epidemia di Coronavirus ha impattato sul business in tutti i Paesi. Secondo quanto dichiarato, il Gruppo ha però preso tutte le misure per assicurare la salute e la sicurezza dei clienti e dei dipendenti, assicurando al contempo il proseguimento delle attività.

Le reti dell’operatore hanno supportato gli incrementi di traffico, che hanno raggiunto picchi del +35% sul fisso e del +23% sul mobile.

Le conseguenze dirette per il business non sono chiaramente facili da prevedere, ma il Gruppo ha anticipato che senza misure di contenimento efficaci da parte dei Governi in cui l’operatore è attivo, l’epidemia potrebbe portare diverse conseguenze negative nel medio periodo.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button