L’Asta 5G in Francia potrebbe slittare a causa del Coronavirus? ARCEP monitora la situazione


Il Coronavirus ha scosso anche i piani dell’Autorità francese per le telecomunicazioni, che potrebbe far slittare l’asta per le frequenze 5G a data da destinarsi.

Sebbene l’Autorità non abbia ancora comunicato una posizione ufficiale, su Twitter Sebastien Soriano, il Presidente dell’ARCEP, ha reso noto che non è stata ancora decisa nessuna posticipazione ma che l’ARCEP sta studiando l’impatto del Coronavirus con gli operatori, in collaborazione con il Governo, per eventualmente modificare il calendario in tempi brevi.

Nel caso di definizione di un nuovo calendario, continua Soriano, questo sarà divulgato il prima possibile.

Il Tweet è stato ripreso anche dall’ARCEP stessa, che non ha aggiunto alcun commento. Intanto, pochi giorni fa è stato annunciato l’annullamento della conferenza Territoires Connectés fissata per il 1° Aprile 2020. Si attendono adesso nuove comunicazioni ufficiali anche sull’asta a cui parteciperanno Free Mobile (Iliad), Bouygues Telecom, Orange e SFR.

5G Asta Francia

I quattro operatori hanno infatti già inviato entro le tempistiche stabilite la loro domanda per ottenere uno dei quattro blocchi da 50 MHz che saranno assegnati a fronte degli impegni aggiuntivi presentati.  Gli obblighi comuni a tutti i partecipanti riguardano invece il rispetto di determinati limiti minimi di copertura 5G nella Francia metropolitana entro il 2022, 2024 e 2025.

Come già stabilito dal Governo, il prezzo di riserva minimo accettato sarà pari a 2,17 miliardi di euro per l’intero ammontare delle frequenze allocate in banda 3.4-3.8GHz, 700 MHz e 26GHz.

L’idea iniziale dell’Autorità francese era quella di aprire l’Asta (che costituisce tecnicamente la seconda e ultima fase del processo già aperto con la presentazione degli obblighi aggiuntivi) entro il mese di Aprile 2020, per permettere l’assegnazione delle frequenze oggetto di gara già a Giugno 2020.

Con l’epidemia di Coronavirus, però, i tempi potrebbero adesso estendersi, come già preventivato dal board di Iliad, che ieri ha accennato a possibili rallentamenti nel corso della sua conferenza di presentazione dei risultati.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.