Reti 5GTim

Sanità 5.0: il Professor Palazzini assiste a un’operazione chirurgica in diretta con il 5G di TIM

Tramite la rete 5G di TIM, è stata eseguita in Italia un’operazione chirurgica a distanza con il professor Giorgio Palazzini, che da Roma è stato “teletrasportato” in una sala operatoria di Terni tramite un visore VR.

Si è trattato di un teleconsulto immersivo 4K di chirurgia a distanza sulla rete 5G di TIM, seguito in diretta multistreaming da circa 30.000 specialisti di tutto il mondo, in occasione del 30° Congresso Internazionale di chirurgia dell’apparato digerente.

Il Professor Giorgio Palazzini, Professore della III Clinica Chirurgica Sapienza Università di Roma, è stato “teletrasportato”, come sottolinea TIM, all’interno dell’Ospedale Santa Maria di Terni per interagire durante un intervento laparoscopico in tempo reale con un’equipe medica coordinata dal Professore Chang-Ming Huang.

TIM Genova 5G

Di seguito il commento di Elisabetta Romano, adesso Chief Innovation & Partnership Officer di TIM:

“Oggi è stato compiuto un importante passo avanti nel mondo della chirurgia, grazie alla sinergia tra le competenze tecnologiche e quelle della sanità del futuro. Si aprono nuove opportunità per il settore che si potrà avvalere di innovative soluzioni al servizio dei pazienti e di tutta la comunità scientifica. Grazie alla 5G Digital Business Platform, la piattaforma innovativa di TIM che abilita i servizi digitali, e alle caratteristiche specifiche del 5G insieme alla robotica, all’intelligenza artificiale e all’Internet of Medical Things, si stanno definendo scenari sfidanti e TIM vuole dare il proprio contributo alla crescita del Paese ed estendere al più ampio numero di persone la conoscenza e le tecniche all’avanguardia disponibili in questo ambito”.

Per mezzo di tre telecamere (di cui una a 360°) installate nella sala operatoria dell’Ospedale e trasmesse in simultanea, il Professore Giorgio Palazzini ha potuto partecipare in diretta all’operazione, osservando in tempo reale l’intervento e i dati biometrici del paziente, con la possibilità di zoomare e selezionare eventuali dettagli di interesse.

Lo scopo di TIM era quello di dimostrare come, grazie alle basse latenze del 5G, sia possibile partecipare a un intervento chirurgico da remoto come se si fosse nella sala operatoria.

Come ha ricordato proprio Palazzini, il futuro sarà governato dalla chirurgia da remoto tramite robot, che permetterà di operare con maggiore precisione e con un margine di errore sempre minore tramite la rete di nuova generazione. A ciò si aggiungerà la possibilità di scambiare informazioni in tempo reale, come TAC e Risonanze, caratterizzate spesso da un elevato volume di dati.

La Sanità 5.0 abilitata dal 5G permetterà, secondo TIM, di interagire in tempo reale e in modalità immersiva anche in altri contesti, come ad esempio all’interno delle ambulanze, per permettere il coinvolgimento immediato di professionalità diverse in grado di accelerare le tempistiche e ridurre i rischi per i pazienti.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button