Intervista esclusiva al nuovo operatore di telefonia Spusu: dettagli sul lancio in Italia


Si avvicina il lancio di un nuovo operatore mobile virtuale in Italia: Spusu, attivo nel mercato austriaco e appartenente al Gruppo Mass Response, farà presto il suo debutto nel mercato italiano, con la promessa di fornire un servizio di qualità per instaurare un solido rapporto con i suoi clienti.

MondoMobileWeb ha avuto modo di intervistare approfonditamente i due nomi chiave di Spusu in Italia, Christian T. Anton e Karl Katzbauer, per scoprire maggiori dettagli sul nuovo operatore mobile FULL MVNO.

Christian T. Anton è il Managing Director of Italian Expansion da quest’anno e vanta una carriera di oltre quindici anni nel settore delle telecomunicazioni. È anche Managing Director di Multiconnect dal 2015 e nel corso di questi anni ha contributo a sviluppare e consolidare l’azienda.

Christian T. Anton, Managing Director of Italian Expansion.

   

Karl Katzbauer è il CEO di Mass Response Vertriebs dal 2017 e in precedenza è stato Head of MVNO per l’azienda. Ha anche lavorato per Telekom Austria sin dal 1995, in diversi ruoli legati al project management e al settore vendite.

Karl Katzbauer, CEO di Mass Response Vertriebs

In primo luogo, si conferma che il nuovo operatore mobile virtuale si chiamerà Spusu anche in Italia. ll nome viene dalle parole tedesche “Sprich und Surf”, traducibili con i termini “Parla e Naviga”.

In Italia, Spusu ha deciso di appoggiarsi alla rete di Wind Tre, che considera un valido partner per il suo nuovo business. Anton e Katzbauer evidenziano infatti che Spusu in Austria si affida alla rete di 3 già da tempo e che l’accordo raggiunto in Italia con l’operatore congiunto fornisce all’azienda le migliori condizioni per operare nel mercato.

Per quanto concerne la data di lancio, il piano di Spusu è sempre stato quello di lanciare i suoi servizi nel 2020. Adesso, il CEO di Mass Response Vertriebs, Karl Katzbauer, è in grado di assicurare che il lancio è pianificato per il primo trimestre dell’anno prossimo, sebbene non sia ancora possibile rivelare una data ben precisa.

MondoMobileWeb ha anche voluto conoscere l’opinione del management di Spusu sul mercato italiano, sulle abitudini dei clienti e sull’attuale livello dei prezzi. Christian T. Anton ha così esposto il suo punto di vista:

“Senza dubbio il mercato italiano è particolarmente concorrenziale, soprattutto dopo l’arrivo di Iliad. Si tratta però di una caratteristica che noi apprezziamo, poiché significa che gli utenti sono abituati a cambiare spesso operatore e a guardare attentamente al mercato. In fin dei conti, come facciamo anche in Austria, noi puntiamo ad offrire prodotti affidabili e competitivi, con la promessa che il prezzo resterà invariato. Penso che l’approccio principale sia quello di mettere al centro il cliente, evitando di deluderlo.”

Discutendo sui valori che Spusu vuole trasmettere ai suoi clienti, Karl Katzbauer osserva che l’attenzione al cliente si declina sin dalle prime fasi di vendita. L’azienda ha chiaramente studiato il mercato italiano, notando che talvolta risulta difficile anche solo essere in grado di ottenere la propria SIM, sia a causa di vincoli regolamentari (che Spusu comprende e rispetta) che per via di una certa rigidità dell’intero sistema, che l’azienda considera necessario superare. In definitiva, Spusu afferma di voler semplificare il più possibile le operazioni per i clienti, supportandoli in ogni fase.

Si segnala che in Austria Spusu utilizza un sistema particolare, che permette ai clienti interessati di modificare la loro tariffa gratuitamente una volta al mese. Non è escluso che un approccio simile (in termini di flessibilità dell’offerta) venga proposto anche sul mercato italiano.

Per Christian T. Antony, l’intenzione di Spusu è quella di essere l’operatore più customer-friendly con un’offerta di servizi nuova nel mercato. Il punto, continua il manager, è che “oggi i clienti non dovrebbero essere legati a un operatore per via di un contratto ma per loro volontà”. In tal senso, dare la libertà ai clienti di cambiare la loro tariffa nel tempo potrebbe essere uno degli obiettivi di Spusu, ma occorrerà anche considerare i vincoli regolamentari in materia.

Commentando il successo di Iliad, che ha superato i 4 milioni di clienti in poco più di un anno di attività, Christian T. Antony afferma che ciò è dovuto ai prezzi particolarmente competitivi e alla grande attenzione rivolta al cliente. Ma, ancora una volta, è la flessibilità a costituire la chiave del successo:

“Noi sviluppiamo i nostri software per conto nostro e la nostra flessibilità in tal senso è massima. Abbiamo la possibilità di pensare a una tariffa di mattina e averla disponibile per l’acquisto nel pomeriggio. Si tratta di un discorso impensabile per molti operatori, soprattutto per quelli che si rivolgono ad altre aziende per la gestione di certi aspetti”.

Il focus sulla flessibilità, continua Anton, si rifletterà poi anche sul servizio clienti: Spusu promette tempi di reazione estremamente ridotti per essere in grado di identificare il problema specifico e aiutare i consumatori che per qualsiasi motivo si trovassero in difficoltà con la loro offerta.

Per finire, si affronta il tema del 5G e delle sue conseguenze per l’intero settore e per i clienti consumer. Secondo Katzbauer la nuova rete costituisce una tecnologia completamente nuova, in grado di fornire notevoli vantaggi in diversi settori, che per i clienti consumer si tradurranno principalmente in un serio aumento della mole del traffico dati (peraltro già in netta crescita anno su anno) grazie ai servizi innovativi che verranno utilizzati.

In Austria, Spusu ha già acquistato le frequenze per il 5G, che sta impiegando per costruire la sua rete e fornire nuovi vantaggi ai suoi clienti. Anche in Italia l’operatore si adatterà al mercato e offrirà i suoi servizi di quinta generazione: come sottolinea Christian T. Anton, quando il 5G si svilupperà sul mercato italiano Spusu sarà tecnologicamente pronto per proporre le sue offerte ai clienti.

Il seriale ICCD delle sim Spusu in Italia inizieranno con 893956 ed è previsto il prefisso 3780 come numerazione per le nuove attivazioni.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.