Rimborsi per fatturazione 28 giorni: come si sono adeguati TIM, Vodafone, Wind Tre e Fastweb


A distanza di mesi dal suo ultimo aggiornamento, la vicenda dei rimborsi per la fatturazione a 28 giorni è ancora particolarmente dibattuta tra i clienti dei diversi operatori. Dopo la sentenza del Consiglio di Stato, gli operatori hanno messo in atto tutte le azioni necessarie a garantire i rimborsi?

La sentenza del Consiglio di Stato si basava sull’appello degli operatori contro la delibera dell’AGCOM. Dopo che l’Autorità aveva riconosciuto una violazione in materia di fatturazione (con annessa mancata adozione del rinnovo su base mensile) esprimendo la necessità di procedere alla restituzione dei giorni erosi entro il 31 Dicembre 2018, gli operatori avevano infatti deciso di fare ricorso.

Fastweb fatturazione rimborsi vodafone wind tre tim

La prima discussione della materia venne effettuata in Camera di Consiglio il 12 Dicembre 2018. A essa seguirono altri tre appuntamenti nel corso del 2019, fino a quello conclusivo del 4 Luglio 2019, a cui è collegato l’ultimo dispositivo di sentenza.

In quell’occasione, il Consiglio di Stato ha definitivamente respinto sia l’appello principale che quello incidentale. Il ricorso in questione, proposto dai singoli operatori coinvolti, richiedeva l’annullamento delle delibere dell’Autorità recanti le ordinanze di ingiunzione, oltre alle diffide e agli atti presupposti, connessi o conseguenziali alle delibere AGCOM sulla fatturazione a 28 giorni.

   

L’ultimo passo del percorso della delibera dell’Autorità sui rimborsi è dunque rappresentato da un dispositivo di sentenza che respinge gli appelli e convalida dunque la sentenza del TAR e, soprattutto, le delibere dell’AGCOM.

Tra le tante (112/18/CONS, 113/18/CONS, 114/18/CONS e 115/18/CONS) riveste un ruolo di rilievo, anche per la sua valenza riepilogativa, la delibera 269/10/CONS che indicava i metodi per restituire i giorni illegittimamente erosi ai clienti.

Prima di analizzare le iniziative avviate dai singoli operatori, si ricorda che a ottenere i rimborsi sono esclusivamente i clienti di rete fissa o convergenti che sono stati impattati dalla fatturazione a 28 giorni tra il mese di Giugno 2017 e il mese di Aprile 2018. Non sussiste alcun diritto di rimborso per i clienti di rete mobile e per i clienti successivi al mese di Aprile 2018.

Per conoscere in tempo reale tutte le novità degli operatori, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Tim rimborsi fatturazione

Iniziando con TIM, l’operatore ha già comunicato che, da Settembre 2019, è possibile richiedere il rimborso dei giorni erosi, secondo la delibera 269/18/CONS, contattando il Servizio Clienti di rete fissa al 187, da Novembre 2019 effettuando richiesta tramite l’Area WEB MyTIM.

TIM precisa che la possibilità di chiedere il rimborso è riconosciunta anche ai clienti attivi da prima del 31 Marzo 2018 che abbiano cessato di usufruire del servizio di rete fissa di TIM dopo il 23 Giugno 2017; in altri termini, rimborsi anche per gli ex clienti TIM impattati a suo tempo dalla fatturazione a 28 giorni sulla loro vecchia linea.

Vodafone rimborsi fatturazione

Passando a Vodafone, tutti i clienti di rete fissa e convergenti interessati a richiedere i rimborsi possono recarsi nella pagina dedicata (presente anche nella home page del sito) e compilare il modulo, come già comunicato loro in fattura negli scorsi mesi. In questo caso, il cliente potrà scegliere anche una misura di compensazione alternativa: nello specifico, il cliente sarà posto di fronte a una scelta e verrà informato dell’importo a cui ha diritto a titolo di restituzione, così da poter valutare attentamente la soluzione preferita.

Se si deciderà di selezionare il rimborso, Vodafone provvederà mediante riaccredito in fattura dei giorni erosi in 6 mesi, ovvero in 3 fatture. Si segnala che, ad oggi, le modalità comunicate da Vodafone si riferiscono esclusivamente alla clientela attiva.

Wind tre

Anche con riferimento all’operatore congiunto Wind Tre, la procedura è simile. I clienti interessati possono recarsi nella propria area clienti web e scorrere un menù che presenta la classica opzione di rimborso oppure le soluzioni di compensazione alternative. Anche in questo caso, una volta selezionato il rimborso, esso avverrà tramite storno in fattura, anche per gli ex clienti impattati dalla fatturazione a 28 giorni, previa compilazione di un form dedicato.

Fastweb

Infine, Fastweb permette di richiedere il rimborso per la fatturazione a 28 giorni tramite l’App MyFastweb accedendo alla pagina dedicata. Il cliente potrà scegliere una delle seguenti misure compensative: 6 mesi di gratuità dell’opzione Ultrafibra per navigare alla massima veloità sulla linea del cliente, 6 mesi di gratuità dell’opzione Verso Mobile Sempre, che include fino a 5000 minuti al mese di chiamate verso i numeri mobili nazionali, oppure 6 mesi di gratuità dell’opzione International, che include fino a 1000 minuti al mese per chiamare i fissi di 60 destinazioni internazionali.

In alternativa, il cliente interessato al rimborso potrà selezionarlo dalla medesima pagina, senza la necessità di compilare dei moduli, e lo stesso verrà accreditato sulla prima fattura utile.

Chi invece decide di attivare una delle opzioni sopra presentate (del valore di 6 euro al mese ciascuna) riceverà la conferma di attivazione tramite e-mail nei giorni successivi. Al termine, l’opzione scelta verrà disattivata in automatico.

28 giorni

Tutti gli operatori si sono dunque adeguati, permettendo ai loro clienti di richiedere il rimborso. Tuttavia, al netto di alcune marginali differenze, la politica adottata sembra essere la medesima: nessun operatore ha infatti provveduto a rimborsare automaticamente i clienti impattati, richiedendo invece un contatto da parte degli interessati.

Le informazioni principali per accedere al rimborso in seguito alla fatturazione a 28 giorni sono state regolarmente comunicate sui siti dei diversi operatori e nelle fatture dei clienti, ma la necessità di inoltrare una richiesta all’operatore ha fatto insorgere le associazioni dei consumatori, che ribadiscono la necessità di una restituzione automatica dei giorni illecitamente erosi.

Secondo molte organizzazioni, infatti, il rimborso dovrebbe essere garantito a tutti i clienti, senza prevedere che gli stessi debbano inviare una richiesta formale tramite canali digitali. A riguardo, l’AGCOM avrebbe comunicato agli operatori coinvolti l’avvio di una nuova procedura sanzionatoria, la cui decisione finale dovrebbe giungere nel mese di Febbraio 2020.

Per finire, un argomento ancora poco chiaro riguarda i rimborsi per i clienti che abbiano, nel frattempo, cambiato operatore. In tal senso, la politica adottata non è univoca e solo in alcuni casi è stato esplicitamente previsto un rimborso anche per gli ex clienti. Per tutti i clienti che ricadono in questa casistica ancora poco definita, può essere utile contattare il servizio clienti per ulteriori dettagli.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.