LexFonia

Conciliaweb compie un anno: 125.000 istanze presentate online per controversie con gli operatori

Compie oggi un anno la piattaforma Conciliaweb, nata dietro iniziativa dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato con lo scopo di risolvere le  controversie tra operatori e consumatori online, con un minore spreco di risorse e tempistiche accelerate.

La funzione è divenuta operativa proprio il 30 Luglio 2018 per la risoluzione telematica delle controversie che, fino a quel momento, erano demandate esclusivamente ai Corecom. È sufficiente, per il cliente, recarsi presso la pagina ufficiale della piattaforma e creare un account per mezzo di un processo di registrazione dettagliato. Già a registrazione completata, l’utente potrà accedere alla propria area personale, in cui è possibile presentare le istanze.

La piattaforma Conciliaweb dell’AGCOM, sottolinea l’Autorità, ha riscosso successo in termini di partecipazioni, con oltre 125.000 istanze presentate, vale a dire un numero pari al 30% in più rispetto all’anno precedente, in cui non era ancora possibile risolvere le controversie per via telematica.

Evidentemente, l’incremento di istanze totali presentate suggerisce come l’approccio online possa costituire uno stimolo per procedere nella presentazione di un istanza, laddove invece l’iter più classico ai Corecom potrebbe scoraggiare alcuni utenti.

Per il suo lavoro svolto, Conciliaweb ha inoltre ricevuto il Premio P.A. Sostenibile, assegnato al Forum della Pubblica Amministrazione, e il premio di Regulatel per la miglior pratica a tutela degli utenti.

Conciliaweb

Nella giornata di oggi, l’AGCOM ha però reso noto che è stata approvata la delibera 353/19/CONS che prevede un nuovo regolamento sulle procedure. La prima novità riguarda la possibilità, per gli utenti, di decidere di farsi rappresentare da Associazioni di consumatori o avvocati iscritti all’albo professionale.

In altri termini, come è possibile leggere nella nuova delibera, l’utente può presentare istanza e partecipare alla procedura anche tramite un soggetto accreditato, al quale viene conferito mandato tramite un modello presente sulla piattaforma, che andrà allegato all’istanza stessa.

Nello specifico, le Associazioni di consumatori agiscono però come soggetto accreditato solo per quanto concerne le controversie per le quali non sia possibile il ricorso alle procedure di negoziazione paritetica.

La delibera ha aggiunto anche altre piccole novità volte a limare il meccanismo, per rendere più agevole la registrazione e l’accesso alla piattaforma per depositare le istanze. Il procedimento di registrazione e accesso può essere anche svolto presso il Corecom della propria regione, qualora si sia impossibilitati ad effettuarla online. Nelle strutture del Corecom l’utente verrà guidato nell’inserimento dei dati e potrà procedere con la registrazione e la compilazione dell’istanza. In caso la delega, la registrazione va fatta comunque a nome dell’utente interessato all’istanza.

Conciliaweb Chiaramente, la compilazione dell’istanza su Conciliaweb andrà svolta inserendo tutti i dati richiesti e i diversi allegati. Il fascicolo documentale inviato per l’istanza sarà però aggiornabile in seguito, ma gli elementi già inseriti non potranno essere modificati o rimossi. Il fascicolo può anche essere integrato con nuovi appunti testuali volti a fornire una maggiore completezza informativa.

Avviata la procedura telematica, essa prevede che nei primi 20 giorni dalla presentazione dell’istanza le parti abbiano la possibilità di dialogare tramite la piattaforma per scambiare eventuali proposte d’accordo. Si tratta di una negoziazione diretta chiaramente non obbligatoria. Trascorsi i 20 giorni, sarà possibile procedere con la conciliazione semplificata o in udienza, a seconda delle materia trattate. Nel secondo caso si potrà partecipare accedendo a una stanza virtuale in videoconferenza.

I tempi della procedura variano, ma tendenzialmente essa si potrà concludere entro 30 giorni, al termine dei quali l’utente si potrà rivolgere alla giustizia ordinaria, avendo formalmente adempiuto all’onere di svolgere il tentativo obbligatorio di conciliazione.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button