TIM: raggiunto l’accordo di cessione di Persidera a F2i e EI Towers. PFN ridotta per 160 mln di euro


TIM ha finalmente raggiunto un accordo per la cessione di Persidera, che prevede la cessione delle partecipazioni a F2i e EI Towers S.p.A. con lo scopo di alleggerire considerevolmente la posizione finanziaria netta del Gruppo.

TIM e GEDI Gruppo Editoriale, che detengono rispettivamente il 70% e il 30% del capitale sociale, cederanno dunque le loro quote per un valore pari a circa 240 milioni di euro.

Persidera TIM

Come ricorda il comunicato ufficiale dell’operatore, l’operazione sarà chiaramente soggetta all’autorizzazione delle Autorità competenti. Il closing è comunque previsto entro l’ultimo trimestre del 2019 e prevederà una scissione in due separate entità. La prima di queste, rimarrà la titolare delle frequenze del digitale terrestre, dei relativi contratti attivi e del personale, mentre nella seconda confluirà l’infrastruttura di rete e il relativo personale.

Il capitale della prima società sarà acquisito interamente da F2i, mentre a EI Towers toccherà il 100% della nuova entità nata dalla scissione e titolare dell’infrastruttura di rete.

TIM ricorda che l’operazione, già ampiamente prevista all’interno del nuovo Piano Industriale denominato TIMe to Deliver and Delever, “si inquadra in un contesto di razionalizzazione del portafoglio e di focus sulle attività core”; inoltre, la cessione di Persidera sarebbe coerente con il progetto di valorizzazione della società, perseguito sin dalla nascita della partnership tra TIM e GEDI nel 2015.

Luigi Gubitosi

Luigi Gubitosi, Amministratore Delegato di TIM

Secondo i primi dati esposti, l’impatto complessivo dell’operazione di cessione, in termini di riduzione della PFN (posizione finanziaria netta) del Gruppo, è pari a circa 160 milioni di euro, che comprenderanno l’incasso del corrispettivo della partecipazione del 70% al momento del closing, i dividendi distribuiti dalla società e il deconsolidamento del debito di Persidera.

Si ricorda che il dossier Persidera è stato a lungo valutato dal nuovo management di TIM, dopo le presunte tensioni interne tra TIM e GEDI, che voleva evitare gravi minusvalenze a seguito della cessione. Già nell’ultima presentazione dei dati finanziari del 20 Maggio 2019, però, TIM aveva reso noto che era stato confermato il mandato al nuovo Amministratore Delegato, Luigi Gubitosi, per la finalizzazione della vendita della società dopo l’offerta vincolante ricevuta.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.