Verso il 5G: stanziati 15 milioni di euro a Matera per la prima Casa delle Tecnologie Emergenti


Nella giornata di oggi, 13 Maggio 2019, a Matera, si è tenuto un incontro alla presenza del Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio. La Capitale Europea della Cultura per il 2019 potrebbe adesso diventare Capitale delle tecnologie emergenti in Italia, per mezzo anche di uno stanziamento di 15 milioni di euro.

L’evento organizzato a Matera è stato intitolato “5G e mondo  delle imprese, come cambia lo scenario”, e ha visto la partecipazione di Michele Somma, Presidente della Camera di Commercio della Basilicata, e degli Amministratori Delegati di TIM e Fastweb, Luigi Gubitosi e Alberto Calcagno.

Hanno partecipato dunque proprio i due operatori che nella città di Matera stanno eseguendo le loro sperimentazioni 5G (autorizzate dal MiSE), per lo sviluppo e i test dei servizi innovativi abilitati dalla tecnologia di quinta generazione.

Nel corso dell’evento, si è discusso a lungo su come il 5G inciderà sul mondo industriale italiano, fungendo da “crocevia della prossima rivoluzione industriale”. Il Ministro Luigi Di Maio ha tenuto un lungo discurso, riportato dal comunicato ufficiale del MiSE, in cui ha annunciato che il Governo e il Ministero stanno lavorando per favorire la realizzazione del 5G in Italia con un nuovo progetto che sfrutterà i fondi CIPE:

   

“L’obiettivo è creare un ecosistema che ruota attorno al 5G ed al suo incrocio con altre tecnologie emergenti. A questo fine stiamo portando avanti il progetto Case delle tecnologie emergenti, ovvero incubatori di startup interamente finanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico con fondi CIPE. A questo progetto sono stati destinati 30 milioni di euro”.

E proprio Matera è stata scelta per ospitare una casa delle tecnologie emergenti, dedicata all’incubazione di startup operanti nel settore della cultura, grazie a uno stanziamento pari a circa 15 milioni di euro. Negli incubatori previsti dal MISE si sperimenteranno le tecnologie emergenti come la realtà aumentata, la realtà virtuale, l’intelligenza artificiale e chiaramente il 5G.

5G Matera

Luigi Di Maio ha anche commentato l’asta delle frequenze in Italia, che “è andata oltre ogni aspettativa”, superando i 6,5 miliardi di euro. Inoltre, è stato ricordato che il Governo sta seguendo i passaggi che permetteranno di liberare la banda 700 per destinarla al 5G entro il 2022.

Indicativamente nelle prime settimane di Giugno 2019 verrà pubblicata la nuova roadmap sulle nuove tecnologie, in cui il Governo punterà sull’accelerazione della liberazione delle frequenze con il minore impatto possibile sui cittadini.

La “Casa delle tecnologie emergenti” si troverà a Matera, in un immobile messo a disposizione dalla Provincia, caratterizzato da una posizione considerata particolarmente strategica per il tessuto produttivo della città

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.