WhatsApp: è guerra alle versioni alternative come GB WhatsApp


Whatsapp, la nota applicazione di messaggistica istantanea nata nel 2009 e di proprietà di Facebook dal 2014, si è apertamente schierata contro le sue versioni alternative e quindi non originali, utilizzate da parecchi utenti, inviando ad alcuni di loro un messaggio notificante la temporanea sospensione del loro account.

Di recente infatti, sulla propria pagina ufficiale, dedicata alla risoluzione dei problemi caratterizzanti il sistema operativo Android, è stato pubblicato un post che avvisa gli utenti coinvolti della situazione e fornisce informazioni su come passare alla versione ufficiale di WhatsApp.

WhatsApp Plus GB WhatsApp

Il rischio di ban è quindi dietro l’angolo per chi utilizza applicazioni non ufficiali sviluppate da terze parti, come WhatsApp Plus e GB WhatsApp, che oltre a trasgredire i termini di servizio di WhatsApp, aumenterebbero la vulnerabilità dei dati scambiati durante le conversazioni. Pratiche di sicurezza che, come si legge nel post, non possono essere convalidate dal team di sviluppatori della versione reale dell’applicazione.

Fino ad oggi, stando alle segnalazioni pervenute in redazione, non ancora tutti gli utenti che utilizzano versioni non ufficiali dell’app sono stati oggetto della campagna di avvertimento ideata da WhatsApp.

   

Per traslocare alla versione ufficiale dell’app, potrebbe essere necessaria l’esecuzione del backup della cronologia chat. Ciò dipende da quale applicazione non supportata si sta utilizzando. Per quanto riguarda GB WhatsApp, ad esempio, si consiglia di praticare i seguenti passaggi, tenendo però presente che questi non rappresentano la garanzia del fatto che il trasferimento della cronologia della chat vada a buon fine.

Bisogna aspettare il termine del ban temporaneo, fare tap su “Altre opzioni“, e successivamente sulle voci “Chat” e “Chat di backup“. Andare sulle impostazioni del telefono, pigiare su Archivio e File, cercare, selezionare e rinominare la cartella “GB WhatsApp” in “WhatsApp“, e dopo di che scaricare l’app ufficiale dal Play Store e premere su “Ripristina” nella schermata Trova backup. In tal modo WhatsApp dovrebbe caricare le proprie chat esistenti.

Con WhatsApp Plus invece, se la cronologia della chat è stata precedentemente salvata, dovrebbe trasferirsi automaticamente all’app ufficiale. A tutti coloro che utilizzano un’app diversa da WhatsApp Plus o GB WhatsApp, il team di sviluppatori consiglia comunque di salvare la cronologia chat prima di scaricare la versione reale.

Sembrerebbe proprio, dunque, che WhatsApp abbia deciso di intraprendere la strada della “persecuzione” nei confronti delle proprie versioni alterate; non resta che attendere l’evolversi della situazione.

Si ricorda che la celebre applicazione di messaggistica, WhatsApp Messenger, che sfrutta la connessione internet del telefono o il Wi-Fi, se disponibile e se voluto dall’utilizzatore, per scambiare immagini, video, messaggi di testo, file audio, informazioni sulla posizione e non solo, con amici e parenti, è attualmente scaricabile gratuitamente per dispositivi iOS su App Store e per Android su Google Play.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.