Cellnex partecipa al MWC 2019: in esposizione le soluzioni per il 5G e l’Internet of Things


Nemmeno Cellnex poteva mancare all’appuntamento con i temi delle nuove frontiere digitali su cui è incentrata l’edizione 2019 del Mobile World Congress di Barcellona che si terrà dal 25 Febbraio al 28 Febbraio 2019.

La società avrà la possibilità di presentare, come si legge in un suo comunicato stampa, le sue ultime soluzioni in materia di “connettività intelligente”, incentrate soprattutto sull’ecosistema delle infrastrutture che serviranno di base al lancio del 5G, ed inoltre, i casi d’uso più importanti su cui sta lavorando relativi a questa tecnologia.

Il cambio di paradigma che apporterà il 5G rende l’elemento dello sviluppo delle infrastrutture estremamente importante per la necessità di adattare i macchinari installati nelle attuali infrastrutture (macro sites) e di offrire una maggior densificazione della rete mediante Sistemi Distribuiti di Antenne (DAS) e Small Cells in spazi interni (stadi e strutture sportive, centri commerciali, teatri, grattacieli, parcheggi e reti di metro) ed esterni (centri urbani, reti pubbliche di trasporto, porti o aeroporti) soprattutto spazi ad alta concentrazione di utenti.

In tali fattispecie Cellnex presenterà a Barcellona i progetti avviati presso il Gran Teatro del Liceu e i parcheggi di SABA e BAMSA in Spagna, ed inoltre, il lavoro svolto insieme a Bouygues Telecom per il collocamento di attrezzature 5G che prestano servizio in Francia a questo operatore.

Legate all’implementazione delle infrastrutture per il 5G sono anche le proposte per l’attuazione, operazione e manutenzione di reti di fibra ottica connesse a torri e antenne (macro e “small cells”) che Cellnex sta sperimentando grazie all’acquisto della società Xarxa Oberta de Catalunya (XOC) dotata di una rete indipendente di 3.000 chilometri di fibra ottica.

Cellnex punta sull’ampliamento dell’ ”Edge computing”, l’elaborazione di dati sul bordo della rete, portando le capacità di computazione più vicino alle antenne emittenti e, dunque, più vicino ai riceventi utenti (persone, veicoli, macchine). Questo avvicinamento consente di raggiungere i requisiti di latenza di 1 millisecondo che richiederanno le applicazioni critiche come il veicolo connesso, o la connettività tra macchine associate al 5G.

In questo ambito l’azienda presenterà al MWC 2019 una dimostrazione congiunta dell’ultima tecnologia dell’Edge Computing che verrà sviluppata in simultanea negli stand Cellnex, Intel e Nearby Computing. Gli stand delle tre società, connessi tra di loro, offriranno delle dimostrazioni specifiche di molteplici casi d’uso di questa tecnologia nell’ambito della mobilità, della sicurezza, dell’industria 4.0 o dell’entertainment.

Per quanto riguarda i casi d’uso della rete di quinta generazione Cellnex presenterà il Mobility Lab sviluppato presso il circuito Parcmotor Castellolí-Barcellona. Le soluzioni sviluppate nel circuito rappresentano le applicazioni che si potranno impiantare in futuro in paesi e centri urbani (smart cities) e su strade ed autostrade (smart roads).

La società ha dotato il circuito con le infrastrutture e la tecnologia necessarie per consentire agli agenti e alle aziende che lavorano allo sviluppo della mobilità del futuro, a soluzioni avanzate di traffico e alla fabbricazione di veicoli, di poter sviluppare prodotti e servizi innovativi vincolati alla mobilità intelligente e al veicolo connesso e autonomo, senza trascurare l’elemento della sostenibilità ambientale, curato grazie ad un sistema di auto-alimentazione dell’infrastruttura mediante energia eolica e/o solare.

Insieme a Sitep, Masmóvil e 5G Barcelona, Cellnex presenterà anche il progetto pilota “5G Firefighting Drone Project” sviluppato congiuntamente nell’ambito dell’iniziativa 5G Barcellona, supportata da un numero cospicuo di enti pubblici e privati. Esso ha come obiettivo quello di rendere la città un hub digitale di riferimento per il 5G.

Il progetto di cui Cellnex si sta occupando usa la tecnologia 5G per agevolare e ottimizzare la gestione degli incendi, mediante la cattura, elaborazione e trasmissione dei dati come mappe di calore, immagini geo-localizzate e ubicazione degli addetti, che vengono inviate alle squadre di emergenza in tempo reale, utilizzando i droni e una rete dedicata di banda larga. Lo scopo è triplo: ridurre i tempi di risposta, monitorare in tempo reale la situazione e attivare le risorse idonee e ottimali per l’estinzione degli incendi.

Nel campo dell’Internet delle Cose, nel quale Cellnex sottolinea di vantare il primato nella dotazione di infrastrutture e servizi in Spagna, la compagnia presenterà le sue soluzioni elaborate per alloggi sociali. La società dota questi alloggi con sensori che consentono di raccogliere, trasmettere e monitorare i dati, fondamentalmente relativi ai consumi e all’efficienza energetica, ma anche il rilevamento delle temperature e altri indicatori che agevolano la tutela di queste case “connesse” e anticipare qualsiasi situazione anomala o di rischio.

La società presenterà le sue soluzioni nell’ambito logistico, che consentono il controllo delle merci attraverso dei sensori che invieranno la loro localizzazione direttamente alle rete IoT della società, disponibile su tutto il territorio nazionale.

In Spagna, sono più di 2 milioni i dispositivi già connessi che usano quotidianamente la rete IoT di Cellnex, prestando servizi di supervisione remota del consumo della luce, telemetria dell’acqua, gestione dei residui, follow up di materiali, smart parking, sicurezza, efficienza energetica e prevenzioni dei rischi.

Si ricorda che Cellnex ha presentato nei giorni precedenti al MWC 2019 i dati finanziari dell’esercizio 2018.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.