Avviate da AGCOM le consultazioni pubbliche sul mercato dei servizi di accesso alla rete fissa


L’AGCOM ha deliberato l’avvio della consultazione pubblica sui provvedimenti e nuove regolamentazioni relative al settore dell’accesso alle reti internet, nel settore all’ingrosso.

Tim ha proposto a Marzo di quest’anno la scorporazione volontaria della propria rete d’accesso wholesale, di fatto puntando a separare il settore all’ingrosso delle proprie infrastrutture relative alla rete fissa, da quello retail.

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha quindi annunciato tramite un comunicato stampa, redatto in data 19 Dicembre 2018, l’avvio delle consultazioni pubbliche della durata di 45 giorni in merito non solo ai provvedimenti relativi alla separazione volontaria della rete Tim, ma anche quelli che riguardano la regolamentazione dei prezzi nel settore all’ingrosso e retail della suddetta rete d’accesso internet in tutto il territorio nazionale.

Dalla seduta riportata nel comunicato stampa è emerso un nuovo quadro regolatorio che comprende il periodo 2021-2025, al fine di regolamentare l’ingresso e i movimenti nel mercato della rete fissa non solo da parte di Tim ma anche dei nuovi attori in concorrenza con essa.

   

Sono stati aggiornati anche i listini di prezzo per la suddetta rete fissa, con Tim che viene confermata da AGCOM come SMP e cioè operatore con significativo potere di mercato. Lo status di Tim come SMP vede la regolamentazione dei prezzi da parte dell’Autorità Garante in tutto il territorio nazionale, tranne che per la zona di Milano, dove i concorrenti sono molteplici sia nel settore wholesale che in quello retail e quindi è il mercato stesso a delineare un prezzo che incontri domanda ed offerta nella zona meneghina.

Considerata la città di Milano come sede di un mercato concorrenziale distinto da quello di tutto il territorio nazionale, il resto del territorio italiano è da considerarsi diviso in vari settori geografici con la presenza di Tim come SMP e di altri concorrenti con potere di mercato inferiore. In questi settori geografici, dove l’entità degli attori di mercato concorrenziali è diversa ed eterogenea, la regolamentazione dei prezzi d’accesso della rete Tim sarà differentemente regolamentata, tenuto conto delle differenze di sostenibilità e infrastrutture disponibili nelle singole regioni geografiche.

Per quanto riguarda il nuovo pricing del sistema di rete nazionale, estrapolato da analisi di mercato di domanda ed offerta, vengono delineati una stabilità del prezzo del Sub loop unbundling (SLU), un incremento graduale del prezzo di unbundling (ULL) e del bitstream-rame,  mentre invece vi è una riduzione dei prezzi dei servizi di accesso su rete in fibra (VULA FTTC e FTTH) e del costo del trasporto dei dati dalle centrali periferiche verso i nodi interni.

La proposta di Tim di scorporazione volontaria della propria rete fissa wholesale dal settore retail viene inclusa nella consultazione pubblica di AGCOM che rimette al mercato possibili commenti relativi alla proposta.

Nel quadro nazionale dell’accesso alla rete fissa hanno fatto ingresso nuovi attori wholesale only come Open Fiber e quindi è posta in valutazione anche una regolamentazione del settore che allo stato attuale delle cose regolava soltanto l’operato di Tim come fornitore d’accesso. Questa regolamentazione dei prezzi avverrà in una consultazione separata approvata da AGCOM, e interesserà il costo ed i prezzi per i clienti che passano da un fornitore d’accesso ad un altro.

Vengono infine valutate la semplificazione della procedura di swtich-off volontario della rete in rame a favore della rete in fibra ottica proposta da Tim. Questo procedimento è volto a migliorare non solo le tempistiche di passaggio da una tecnologia di rete all’altra, ma anche a favorire dal punto di vista consumer una maggiore propensione dei singoli consumatori al passaggio ad una rete più efficiente e veloce, quella con banda ultralarga.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.