Rimodulazioni TariffarieVodafone

Federconsumatori: “Limitare la possibilità di ricorso alle modifiche unilaterali del contratto”

Se MondoMobileWeb, tramite il suo autore storico ZioTel, si chiedeva domenica 22 Luglio 2018 per l’ennesima volta se è necessario creare nuove limitazioni sulle rimodulazioni, ieri 24 Luglio 2018 Federconsumatori ha segnalato un nuovo rincaro delle tariffe da parte dell’operatore Vodafone, augurandosi che questo non provochi un effetto domino.

Proprio negli ultimi giorni, infatti, numerosi utenti Vodafone hanno ricevuto via sms la segnalazione di un aumento di 1,99 euro a partire da giorno 3 Settembre 2018, in cambio di un incremento relativo ai minuti inclusi nelle offerte che, da mille, diverrebbero illimitati.

Federconsumatori ipotizza che tale aumento sia stato ricercato dall’operatore nel tentativo di recuperare i guadagni venuti meno a seguito della nuova fatturazione a ventotto giorni ed inoltre immagina che l’invio di tali avvisi via sms stia avvenendo in questo periodo non per caso, ma nel tentativo di approfittare della distrazione degli utenti concentrati nelle proprie vacanze estive, così da far passare inosservato il cambiamento.

Federconsumatori fa sapere quindi di essere pronta a mettere in moto le verifiche dovute e che non esiterà a segnalare comportamenti scorretti all’Antitrust.

Nel comunicato stampa viene inoltre consigliato agli utenti di prendere in considerazione tutte le offerte del mercato così da aderire a quelle più convenienti, infatti sarà possibile recedere dal contratto e cambiare operatore fino al giorno precedente rispetto all’applicazione del rincaro, quindi fino a giorno 2 Settembre 2018.

L’effetto domino rischierebbe di coinvolgere anche le altre compagnie, diventando un’operazione di cartello definita come “intollerabile” da Federconsumatori e che, per questo motivo, se mai dovesse effettivamente verificarsi, indurrebbe l’associazione a procedere mediante denunce e richieste di sanzioni.

Già da questo momento però verranno avanzate richieste nei confronti dell’AGCOM e dei rappresentanti del parlamento al fine di ottenere un incontro urgente per disporre di una nuova normativa sulle modifiche unilaterali del contratto più attenta ai diritti dei cittadini e che possa limitare eventuali “abusi” da parte degli operatori telefonici.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button