Reti 5G

ZTE Corporation promuove un nuovo dispositivo di interconnessione ottica intelligente

L’azienda ZTE Corporation, fornitore globale di prodotti e di servizi per le telecomunicazioni, ha oggi, 6 marzo 2018, lanciato un nuovo prodotto di interconnessione ottica intelligente commercialmente sostenibile. Il dispositivo è stato prodotto al fine di evitare connessione errate, motivo per il quale  supporta una cross-connection ottica automatica, basata sulla tecnologia di commutazione ottica.

Ci siamo già occupati, noi di MondoMobileWeb, di alcuni strumenti prodotti da ZTE, vediamo, invece, oggi, quale sono le funzionalità del nuovo dispositivo proposto dal colosso cinese. Il prodotto di ZTE, il dispositivo di interconnessione performante, funziona in modo efficace, sostituendosi al lavoro di implementazione e manutenzione di connessione e riducendo i costi della rete, soprattutto per gli operatori. Lo strumento di interconnessione circoscrive, così, i problemi del traffico rete, promuovendo la creazione di E-OTN intelligente e semplice.

Il colosso cinese ZTE, posto i problemi che la tecnologia ROADM creava, specie per quanto concerne la pianificazione dei servizi di connessione in un momento di forte sviluppo digitale del mondo del 5G e dei servizi come 4K, VR, cloud computing e big, si prodiga per rivoluzionare la connessione, attraverso un dispositivo smart e sostenibile.

È possibile, infatti, mediante l’uso del dispositivo pianificare a livello ottico (ricordiamo che lo strumento può supportare più di 32 direzione ottiche) in modo da ridurre la latenza end-to-end. Lo strumento targato ZTE può, inoltre, consentire la corrispondenza uno a uno tra slot ottici backplane e board. Ciò potrà generare una maggiore integrazione di rete, sfavorendo le connessione errate e le lungaggini di implementazione.

Parlando del prodotto ZTE Chen Yuefei, general manager della linea di prodotti per il trasporto ottico di ZTE, ha dichiarato che:

Il prodotto di interconnessione ottica intelligente di ZTE può risolvere efficacemente i problemi di un gran numero di fibre ottiche e di connessioni complesse in fibra nelle reti ROADM. In più, può far risparmiare i costi di investimento e quelli operativi e di manutenzione per gli operatori, migliorando l’efficienza operativa e di manutenzione. In futuro, il prodotto utilizzerà il backplane ibrido ottico/elettrico per supportare un’interconnessione ibrida ottico/elettrico nello stesso subrack, aiutando gli operatori a implementare reti di trasporto ottico più flessibile ed efficiente.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button