Genish ai sindacati: “Per la trasformazione digitale di Tim serve la massima collaborazione tra management e Sindacati”


Anticipato di due giorni rispetto a quanto previsto l’incontro tra l’amministratore delegato di Tim Amos Genish e i sindacati dei lavoratori del settore SlC-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom e Ugl-Telecomunicazioni. Il piano industriale 2018-20 è pressoché in fase di programmazione e la prima riunione del Consiglio di Amministrazione è previsto per il 5 Dicembre 2017. Nella riunione con i sindacati Genish ha voluto discutere proprio delle linee strategiche che costituiranno il documento programmatico e nel quale i dipendenti Tim, che quotidianamente si impegnano nella produzione aziendale, dovranno per forza di cosa svolgere un ruolo centrale.

Amos Genish ha sottolineato ai Sindacati la volontà di TIM di ricoprire un ruolo da protagonista nell’ecosistema digitale che sta cambiando radicalmente alla luce della trasformazione tecnologica in atto, e che riguarda tutti i settori e la vita delle persone.

Per favorire questo processo di cambiamento TIM continuerà a investire in innovazione, ma anche nella formazione e motivazione dei suoi dipendenti, e promuoverà la diffusione della “cultura digitale” in tutta l’azienda. Il manager israeliano ha aggiunto che:

   

“Per raggiungere questo obiettivo, serve la massima collaborazione tra management e Sindacati”

sottolineando la convergenza degli interessi di Tim e dei sindacati, che si concretizza nella massimizzazione dello sfruttamento delle proprie risorse e nell’impiego di forza lavoro giovane da parte di Tim.






 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus