Coco: l’applicazione che permette di prenotare ombrellone e lettino


Sono bastati due mesi “di vita” per registrare 16.000 iscritti 20.000 download e portare al mare circa 2.500 persone, per far aggiudicare a Coco il premio come startup più innovativa al Digital Tourism di Padova.

Coco, questo è il nome dell’app leader in Italia che offre ai gestori di stabilimenti balneari e bagnanti, un servizio di prenotazione di ombrelloni e lettini, potenziando quindi l’esercizio dello stabilimento. L’app offre servizi business, gratis oppure a pagamento, consente di scegliere la spiaggia ideale controllando i parametri di distanza e prezzi. Una volta effettuata la scelta il pagamento avviene mediante carta di credito, l’app genera successivamente un codice QR che servirà per accedere. Durante la prenotazione, Coco guadagnerà un supplemento del 12% sull’ordine effettuato.

Ecco le funzioni principali dell’app:

   
  • Esplora nuove spiagge, consente di mostrare le spiagge disponibili nelle vicinanze, effettuare ricerche per località o nome spiaggia, filtrare in base le nostre priorità (Wifi, doccia, accesso animali).
  • Scegli e prenota, visualizzazione di prezzi e foto.

Inoltre è in fase di sviluppo l’app Coco bar, che ci consentirà di prenotare una bevanda o del cibo facendolo portare direttamente al nostro ombrellone.

Grazie a una campagna di raccolta fondi da parte di una ventina di investitori che durerà fino a metà Gennaio 2018, Coco verrà migliorata sia come applicazione (iOS o Android) ma anche come espansione del servizio in Italia e all’estero con partenza dalla Spagna.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!






 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus