Foxconn: Iphone X assemblati da giovani studenti per 11 ore di lavoro al giorno


E’ da poco uscita la notizia che uno dei più grandi  produttori di componenti elettrici ed elettronici in tutto il mondo, maggiore fornitore cinese di Apple, abbia permesso a studenti di liceo di lavorare 11 ore al giorno per produrre l’iphone X. 

Foxconn “assume” degli studenti con contratti da tirocinanti per farli lavorare nelle fabbriche facendogli fare straordinari per legge vietati. E’ questa la notizia riportata dal Financial Times e successivamente, in Italia, da “Il Sole 24 Ore“, sono stati sei i liceali cinesi che hanno denunciato al quotidiano britannico di essere costretti a lavorare  in condizioni non previste dalle leggi cinesi nella fabbrica di Zhengzhou.

Tim Cook, CEO Apple in visita in una fabbrica Foxconn

I sei ragazzi avrebbero parlato di circa 3.000 studenti della loro scuola, la Zhengzhou Urban Rail Transit School, inviati per 3 mesi qualche tempo fa a lavorare nell’impianto della nota Multinazionale.

Gli studenti, tutti di età compresa tra i 17 e i 19 anni, sostengono di essere stati informati dalle rispettive scuole di dover passare tre mesi all’interno dell’azienda per assemblare gli Iphone X, esperienza necessaria per completare il programma di studi.

   

In particolare uno dei giovani afferma che i ragazzi sono obbligati dalle scuole a lavorare in quegli stabilimenti, nonostante quel lavoro e quelle mansioni non abbiano nulla a che fare con il loro percorso di studi.

Non sono tardate ad arrivare le risposte dei diretti interessati, Apple e Foxconn, che si sono detti a conoscenza della presenza in fabbrica di diversi stagisti che hanno fatto anche straordinari ma volontariamente e che, comunque, verranno adottati dei provvedimenti.

In seguito Apple ha precisato che gli studenti lavoravano volontariamente, erano stati retribuiti e avevano ricevuto dei benefit, ma non avrebbero dovuto essere autorizzati a lavorare fuori orario e per turni cosi lunghi.

E’ stato aggiunto che, nella struttura di Zhengzhou, i programmi di tirocinio hanno una breve durata e rappresentano solo una percentuale molto piccola di forza lavoro.

Tuttavia non è la prima volta che il colosso cinese è sotto accusa per le condizioni in cui versano i dipendenti.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus