Tiscali: primo semestre in utile netto positivo, una novità che attesta lo sviluppo dell’azienda


Il comunicato stampa redatto da Tiscali annuncia che nel primo semestre del 2017 Tiscali ha avuto un utile netto positivo, che si distacca da quelli negativi degli anni precedenti e che segna un incremento dei ricavi e dei clienti superiori alle attese. I validi risultati, confermati al Consiglio di Amministrazione di Tiscali S.p.A, riunitosi il 20 settembre 2017, saranno certamente confermati nel bilancio annuale e attesteranno la crescita dell’azienda assolutamente proficua.

Il Semestrale 2017 ha, nella fattispecie, un utile positivo di 24,5 milioni, un ricavo di 103,6 milioni, in crescita del 6,9% rispetto al primo settembre del 2016, e un EBITDA a 14,4 milioni, anche esso in aumento del 16,3% rispetto al 2016.

La crescita di Tiscali è positiva e permette all’azienda di puntare a standard sempre più elevati e competitivi. Lo sviluppo è, inoltre, confermato nella banda Ultralarga in Fibra e il Fixed Wireless Access e nel Mobile. In questi campi l’azienda si è spesa con nuove strategie, volte ad aumentare il profitto. È in questi contesti, infatti, che l’incremento è attestato dai numeri che sono del +32% di clientela nel segmento Broadband e del +56% nel segmento Mobile.

È, però, ravvisabile, nella quantità di dati positivi, una forte riduzione dei costi del personale, che addirittura conta il meno 4,2 milioni, rispetto al primo semestre 2016.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, Google+ e iscriviti gratis nel nostro canale @mondomobileweb dell'App Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus