Anche TIM si adegua in anticipo al Roaming Like at Home quando si viaggia in Europa?


Dal 15 Giugno 2017 gli operatori di telefonia mobile devono adeguarsi alla nuova normativa europea che prevede l’introduzione del “Roaming Like at Home” in base al quale, in Unione Europea, vanno applicate le stesse condizioni e tariffe del Paese domestico.

I paesi dell’Unione Europea e i Paesi dell’Area Economica Europea (EEA) coinvolti sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro (esclusa la repubblica Turca di Cipro del Nord) Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, (inclusi Guadalupa, Guyana francese, La Reunion, Mayotte, Martinica), Germania, Gibilterra, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria.

La nuova società di telecomunicazioni Wind Tre ha deciso di adeguarsi in anticipo prima di tutti gli altri operatori (Wind il 24 Aprile 2017 e Tre l’8 Maggio 2017).

Nella giornata di ieri 28 Maggio 2017, come vi abbiamo anticipato nel nostro canale Telegram, TIM ha aggiornato la decrizione di alcune offerte dove viene specificato che il bundle di minuti e dati si può utilizzare anche nei paesi dell’Unione Europea.

   

Anche TIM si adegua in anticipo al Roaming “Like at Home” quando si viaggia nei paesi dell’Unione Europea? Ancora non è arrivata nessuna comunicazione ufficiale di TIM.

Abbiamo contattato pochi minuti fa il Servizio Clienti 119, ci è stato comunicato che la nuova eurotariffa non è ancora entrata in vigore.

Due giorni fa TIM aveva comunicato su Twitter:

“Ciao, dal 15 Giugno 2017 TIM si adeguerà al nuovo Regolamento Europeo sul ‘Roaming Like at Home’, continua a seguirci #TIM4U”

Tim ha cambiato idea e quindi si adegua in anticipo? Forse l’aggiornamento della descrizione della propria offerta base è solo una prolessi di quello che succederà a partire da Giovedì 15 Giugno 2017?

Sicuramente prima di viaggiare, consigliamo di contattare il Servizio Clienti 119 per ulteriori informazioni. Raccontateci nei commenti la vostra esperienza.

 

Aggiornamento del 29 Maggio 2017 alle 18.05: Oggi abbiamo contattato più volte il Servizio Clienti 119, per cercare di avere ulteriori informazioni, ma anche di rispondere alla domanda del titolo “Anche TIM si adegua in anticipo al Roaming Like at Home quando si viaggia in Europa?“. Ci è stato risposto: “No, si deve ancora aspettare!

TIM non ha inviato nessuna comunicazione ufficiale. Per adesso l’aggiornamento della descrizione della propria offerta base è solo un’anticipazione descrittiva di quello che succederà in futuro. L’eurotariffa in vigore è di 6,1 cent / min per chiamare da Zona Europa vs Zona Europa e Italia; 1,31 cent / min per ricevere; 2,44 cent / SMS inviato; 6,1 cent / MB. Molto probabilmente la data della nuova eurotariffa “Roaming Like at Home” sarà 15 Giugno 2017, come aveva comunicato alcuni giorni fa TIM su Twitter. Se ci saranno ulteriori novità o colpi di scena sarete informati. Vodafone Italia ha deciso di adeguarsi Giovedì 15 Giugno 2017.

 

Aggiornamento del 29 Maggio 2017 alle 21:24:  secondo il racconto di alcuni utenti di MondoMobile.Club la nuova eurotariffa “Roaming Like at Home” sta già funzionando. Raccontateci le vostre esperienze. Ricordiamo che ancora non è arrivata nessuna comunicazione ufficiale da parte di TIM. Quindi attenzione ad eventuali addebiti perché Tim potrebbe non rimborsare.

 

Seguiteci su Telegram, Twitter e su Facebook per rimanere aggiornati su eventuali novità.

Leggi anche: Tim, in arrivo la nuova promo “Tim in Viaggio Pass Summer Edition” per navigare in Svizzera, Usa e nel resto dell’Unione Europea

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus