LinkemTech 5G e IoTTiscali

Moni5G Sardegna: il progetto di Linkem, Tiscali e UniCa valido anche per Turismo, Retail ed Eventi

Oggi, 22 Luglio 2022, sono stati illustrati, in un evento a Cagliari, i dettagli della sperimentazione riguardante il Moni5G Smart Sardegna, il progetto in partnership tra l’Università di Cagliari, Linkem e Tiscali, che a fine 2020 si era aggiudicato il bando finanziato dal MISE sulle tecnologie emergenti.

Il progetto, presentato il 30 Novembre 2020, ha riguardato due casi d’uso in particolare, relativi alla mobilità sostenibile e alla gestione del servizio idrico, attraverso lo sviluppo di applicazioni intelligenti per Smart City basate sulle tecnologie IoT, rete 5G e Blockchain.

Per lo sviluppo e l’abilitazione di servizi per cittadini e Smart City della Sardegna, hanno contribuito al progetto anche l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), l’azienda FlossLab e l’azienda GreenShare.

L’implementazione delle due iniziative si è tenuta, con la collaborazione di CTM e Abbanoa, in siti pilota nell’area urbana ed extraurbana di Cagliari e in altri Comuni della Sardegna, come quello di Guspini.

Durante l’evento, i due studi sotto esame hanno dimostrato, inoltre, che le soluzioni sopra citate, possono consentire il monitoraggio del movimento delle persone, non solo all’interno dei mezzi pubblici, ma anche in altri settori, come quello del Turismo, del Retail e degli Eventi.

Davide Rota
Davide Rota, nuovo Amministratore Delegato di Tiscali e Presidente di Linkem

I risultati si sono dimostrati replicabili anche in contesti territoriali diversi da quello sardo.

Nello specifico il primo progetto, ha consentito di creare delle statistiche utili alla gestione dei servizi di mobilità della città.

Invece, il progetto sulla gestione del servizio idrico fornisce una soluzione per l’analisi e il controllo del trattamento delle acque, tramite un sistema di sensori che, attraverso un motore di intelligenza artificiale, è in grado di supportare gli operatori per migliorare l’efficienza del processo.

Per entrambi i casi d’uso, la notarizzazione dei dati sulla Blockchain ha assicurato l’integrità e l’immutabilità dei dati acquisiti.

Nel corso della giornata, sono intervenuti i rappresentanti dei principali soggetti coinvolti nel progetto: Fabrizio Pilo, Professore Ordinario e Prorettore delegato per il territorio e l’innovazione dell’Università degli Studi di Cagliari, Luigi Atzori, Professore Ordinario dell’Università degli Studi di Cagliari CNIT, Luisa Guida, Technology 5G Program Mngmt & Regulatory Linkem, Marco Uras, Ricercatore dell’Università degli Studi di Cagliari e CEO dello spinoff WiData Srl, Marco Simone, Ricercatore dell’Università degli Studi di Cagliari, Alessandro Floris, Ricercatore dell’Università degli Studi di Cagliari CNIT, e Ilaria Lunesu, Ricercatrice dell’Università degli Studi di Cagliari CNIT.

Daniele Righi, Chief Innovation and Business Development Officer di Linkem

Queste le parole di Daniele Righi, Chief Innovation and Business Development Officer di Linkem, che ha dichiarato:

“I positivi risultati di Moni5G dimostrano che le tecnologie innovative come Internet of Things, Intelligenza Artificiale e Blockchain, abilitate dalla rete 5G FWA (Fixed Wireless Access) di Linkem, hanno un impatto concreto sull’innovazione dei servizi per le c.d. Smart City e, in ultimo, sulla qualità della vita quotidiana dei cittadini.

La ricerca sulla mobilità sostenibile trova per esempio uno sbocco diretto su un mercato che si prevede in forte crescita nel breve periodo. I soli investimenti previsti dal PNRR prevedono, infatti, quasi due miliardi di euro per l’acquisto di nuovi bus ecologici nei grandi Comuni, che dovranno essere obbligatoriamente dotati di contapersone automatico.”

Continua Andrea Podda, Direttore Network e Vendite di Tiscali, che afferma:

“Gli obiettivi che hanno animato tutti i partner tecnologici del progetto moni5G ed ancor più i risultati ottenuti, dimostrano come l’infrastruttura composta da 5G, fibra e cloud, insieme con intelligenza artificiale e blockchain, siano gli ingredienti base delle Future Communities di domani.

Il progetto finanziato dal MISE ha messo in evidenza le potenzialità delle partnership pubblico private, fornendo un risultato in grado di offrire servizi a beneficio di tutti i cittadini.”

Conclude Luigi Atzori, Professore di Telecomunicazioni all’Università degli Studi di Cagliari e Coordinatore del progetto per conto di UniCa, dichiarando:

“Moni5G ha dimostrato le potenzialità di una integrazione delle competenze e tecnologie in infrastrutture avanzate di comunicazione e sensing, di calcolo e storage, nonché di elaborazione e notarizzazione per mettere a disposizione dei gestori di servizi pubblici informazioni chiave per una migliore gestione dei propri processi.”

L’utilizzo delle informazioni acquisite dai dispositivi di sensing testati durante il progetto sulla mobilità sostenibile, consentono alle aziende del trasporto pubblico locale, di ottenere automaticamente i dati necessari alla pianificazione del servizio, oltre a poter effettuare un monitoraggio in tempo reale della domanda.

In questo modo, inoltre, gli enti erogatori del finanziamento pubblico, ottengono uno strumento di monitoraggio in tempo reale del servizio, avendo anche accesso ad informazioni pervasive sul fattore di carico del mezzo.

Editing Mattia Castro

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button