iliadLexFoniaReti e Frequenze

Rete Iliad: respinti due ricorsi in Abruzzo per l’installazione di nuove antenne

Iliad ha visto respinti dal TAR Abruzzo due ricorsi per l’installazione di alcune antenne, nei comuni di Silvi e Torano, entrambi in provincia di Teramo.

Iniziando con il comune di Silvi, Iliad aveva richiesto l’annullamento del provvedimento del comune con cui l’operatore veniva diffidato ad eseguire i lavori.

Iliad e l’antenna nel comune di Silvi

Il caso risale all’estate dell’anno scorso, quando il Comune ha intimato l’immediato divieto di proseguire l’attività per mancanza dei pareri dell’ARTA e dell’ASL sulle emissioni elettromagnetiche e per l’assenza di autorizzazione relativa all’intervento su zona C2 residenziale.

Il TAR ha rigettato il ricorso poiché la presentazione dell’istanza di realizzazione di una rete radio non escluderebbe che il Comune debba comunque verificare anche la regolarità urbanistica ed edilizia del progetto unico che coinvolge anche l’interesse pubblico alla massima copertura di rete.

Dunque, a differenza di quanto richiamato da Iliad, la cosiddetta formazione del titolo “per silentium” non è sufficiente dal momento che l’istanza dev’essere completa di tutte le informazioni e delle documentazioni necessarie che Iliad non avrebbe presentato, in primo luogo i pareri delle diverse Autorità coinvolte nel procedimento unico.

Non ricorrendo le condizioni perché potesse maturare, nel caso specifico, il silenzio assenso, il TAR ha bocciato il ricorso avviato da Iliad, considerando anche che, trattandosi di impianti di nuova costruzione, risultava prevista l’adozione di uno strumento attuativo finalizzato a localizzare sia gli edifici destinati all’uso previsto che le opere per servizi (di urbanizzazione primaria e secondaria) necessarie alla progettazione di un insediamento unitario.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Iliad rete proprietaria

Rigettato anche il ricorso per l’antenna a Torano

Anche a Torano, sempre in provincia di Teramo, Iliad ha visto rigettato il suo ricorso avanzato dopo il diniego per l’installazione di un’altra antenna nei pressi di uno dei crinali presenti nel territorio.

In questo caso, il TAR ha evidenziato come il diniego all’autorizzazione all’installazione della stazione radio discende dal provvedimento del SUAP comunicato alla ricorrente e alle Amministrazioni coinvolte e che non è stato oggetti di impugnativa da parte di Iliad.

Inoltre, la nuova torre che Iliad intendeva realizzare risulta alta 27 metri, superando dunque la sommità del crinale in cui si intendeva posizionarla per oltre 24 metri, risultando di fatto “in contrasto con le disposizioni prescrittive provinciali e comunali che impongono di non alterare la percezione visiva del paesaggio”.

A tal proposito, è stato anche confermato che il Comune non ha vietato in assoluto l’edificazione di stazioni radio base su tutti i crinali, introducendo però specifiche disposizioni per preservare alcune porzioni del territorio legate a determinati crinali ritenuti di particolare pregio.

Per questo motivo, anche questo ricorso è stato respinto. In entrambi i casi, il TAR ha comunque ordinato la compensazione delle spese di lite.

 

Vuoi ricevere notizie e consigli utili in tempo reale sul mondo della telefonia? Iscriviti gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Segui MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

MondoMobile.News

Back to top button