Reti e Frequenze

Traffico dati e Covid: in Italia e in Europa le reti restano solide secondo il report Berec

La BEREC, l’Autorità europea per la Regolamentazione delle Comunicazioni Elettroniche, ha pubblicato il primo rapporto riassuntivo del 2021 sulla capacità attuale delle reti di comunicazione.

L’Autorità sta monitorando l’impatto della pandemia di Coronavirus sul contesto europeo già dall’anno scorso: il report pubblicato ieri 6 Aprile 2021 rappresenta infatti il seguito delle precedenti analisi.

La BEREC continuerà inoltre a raccogliere informazioni su base mensile e, in caso di informazioni sufficienti da parte delle Autorità dei singoli Paesi membri, potrà valutare la pubblicazione di nuovi report mensili o trimestrali.

La capacità delle reti resta pressoché intatta

Come riportato, nonostante il traffico sia incrementato sensibilmente sul mobile e sul fisso durante la pandemia, la capacità delle reti è rimasta sufficiente a garantire connessioni stabili ai clienti nei Paesi analizzati.

A tal proposito, Berec ha citato proprio l’Italia, evidenziando come, nonostante un traffico molto elevato (a causa delle diverse restrizioni dal mese di Ottobre 2020) non vi siano verificati casi di congestione eccezionale delle reti.

Rispetto all’inizio della crisi, secondo quanto riportato dall’Autorità, in Italia il volume di traffico dati mobile è cresciuto del +58% a metà Marzo 2021, mentre per il traffico dati nel fisso la crescita è stata del +86%.

Polonia e Portogallo presentano invece un incremento più netto del traffico dati causato dalla pandemia rispetto ai livelli pre-crisi. In ogni caso, anche questi Paesi hanno mostrato reti ancora ben funzionanti.

La mappa della Berec, infatti, mostra quasi tutte le aree verdi, colore che identifica una rete in grado di sostenere l’aumento del traffico causato dalla crescita dei consumi. Altri Paesi, come Spagna, Islanda e Svezia, non hanno però ancora fornito i loro dati aggiornati e risultano quindi identificati in grigio.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

fonte: BEREC

I dati sulle App di tracciamento dei contagi

L’Autorità europea per la Regolamentazione delle Comunicazioni Elettroniche evidenzia come tutte le Autorità nazionali di settore stiano continuando a monitorare la situazione e raccogliere dati utili per prevedere l’impatto dei consumi sulla rete. L’Italia è stato uno dei Paesi, con l’AGCOM, ad avere anche lavorato a un report annuale sull’impatto del Coronavirus nei settori regolamentati.

Quanto alle App utilizzate per tracciare i contagi, l’italiana Immuni contava, al 16 Febbraio 2021, un totale di circa 10,3 milioni di download, con partecipazione ed inserimento dei dati su base volontaria.

La Germania ha riportato invece, al 26 Marzo 2021, circa 26,5 milioni di download, mentre la Turchia (che come è possibile notare nella mappa ha fornito i suoi dati aggiornati) ha registrato oltre 10 milioni di download nel Google Play Store al 30 Marzo 2021.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button