Economia e FinanzaReti e Frequenze

Intred: ricavi in crescita e focus sulla fibra che raggiunge 3700 km in tutta la Lombardia

Intred ha chiuso il 2020 con ricavi in netto aumento rispetto all’anno precedente, sopra i 35 milioni di euro, e con un EBITDA a 14 milioni di euro. Gli investimenti si sono concentrati prevalentemente sullo sviluppo della rete.

Intred è un operatore di telecomunicazioni attivo nel territorio della Lombardia, fondato nel 1996 da Daniele Peli, attuale Amministratore Delegato e Presidente, che fornisce connettività in banda larga e ultra-larga, oltre che in tecnologia FWA, a clienti Business e Retail.

Secondo quanto riportato nel progetto di bilancio di esercizio al 31 Dicembre 2020, approvato dal CdA dell’azienda, i ricavi di Intred nel 2020 sono stati di 35,5 milioni di euro contro i 20,8 milioni di euro dell’esercizio precedente, con una crescita organica del 16,3% e la restante parte derivante dall’acquisizione di Qcom.

A trainare la crescita organica è stato l’incremento nelle vendite di connessioni in banda ultralarga (+26,2%) e le vendite di servizi voce e dati (+23,9%), mentre sono calate le connessioni in banda ultralarga e quelle in tecnologia FWA. Oltre il 65% dei clienti di Intred nel 2020 sono profili business.

L’EBITDA di Intred è invece cresciuto nel 2020 del +38,4%, passando a 14 milioni di euro. Il risultato netto si attesta invece a quota 6,1 milioni di euro, in crescita del +41,3% rispetto ai 4,3 milioni del 2019.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Di seguito il commento dell’AD e Presidente Daniele Peli:

“Il 2020 è stato caratterizzato da una crescita considerevole, legata anche alla fusione per incorporazione con Qcom. La particolare situazione che abbiamo vissuto lo scorso anno non ha avuto impatti negativi sul business di Intred. Lo smart working, la Dad, ed in generale la forte richiesta di connettività fissa ad alta velocità e capacità, hanno contribuito alla robusta crescita del fatturato. La Società, fin dallo scoppio della pandemia si è adoperata per rispondere a queste esigenze, sia per i vecchi sia per i nuovi clienti. Parallelamente, abbiamo lavorato per integrare i servizi di Qcom alla nostra offerta e i risultati sono stati più che positivi, visto l’apprezzamento da parte della clientela professionale che può così avere un unico interlocutore per la connettività, la telefonia, il virtual PBX e la cyber security . Per il 2021, le premesse sono positive, soprattutto per il secondo semestre, anche grazie all’aggiudicazione del Bando Gara indetto da Infratel, per portare a 4.592 scuole della Lombardia servizi di connettività a banda ultralarga”

Peli ha citato la recente aggiudicazione del Bando di Gara di Infratel per portare la banda ultralarga in 4592 scuole della Lombardia, che rappresenterà un ulteriore driver di crescita per Intred. L’operatore ha inoltre annunciato l’ingresso come nuovo operatore virtuale nella telefonia mobile sotto rete Vodafone.

Anche quest’anno, Intred continuerà a investire sulla sua rete, come fatto nel 2020, in cui gli investimenti sono stati pari a 10,8 milioni di euro, principalmente sullo sviluppo della rete di backhauling e di accesso in fibra ottica FTTH in Lombardia.

Tramite questi investimenti, la rete proprietaria dell’operatore è cresciuta del +28% nel 2020, passando dai precedenti 2900 km agli attuali 3700 km.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button