Reti e FrequenzeLexFoniaVodafoneWindTre

Ricorso di alcuni cittadini romani contro Vodafone e WindTre: la posizione dell’antenna è legittima

Il TAR del Lazio si è espresso su un ricorso di diversi cittadini contro Roma Capitale per l’autorizzazione rilasciata per silentium a WindTre e Vodafone per la costruzione di un’antenna nei pressi di un circolo sportivo.

I proprietari di alcune abitazioni e di alcuni terreni vicino all’antenna hanno fatto ricorso contro il Comune che aveva autorizzato nel 2017 l’installazione di un’antenna di Vodafone, WindTre e TowerCo sita in via Cristoforo Colombo.

Secondo tali residenti, Roma Capitale avrebbe violato i principi di precauzione e minimizzazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici della popolazione. Da qui, il ricorso per l’annullamento dell’autorizzazione per silentium e delle autorizzazioni e pareri della Regione Lazio e dell’ARPA Lazio.

Secondo i ricorrenti, infatti, la stazione radio base sarebbe stata localizzata all’interno di un circolo sportivo, assimilabile a un parco giochi perché, ogni anno, al suo interno si tengono attività ludico-sportive anche per bambini e ragazzi.

Il TAR del Lazio ha evidenziato che gli operatori coinvolti, con le loro deduzioni difensive, hanno contestato la legittimazione dei residenti a proporre domanda di annullamento, soprattutto perché non è stata allegata alcuna prova di pregiudizio effettivo, attuale e concreto ricollegabile all’installazione degli impianti in contestazione.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

antenna

Il Collegio del TAR ha evidenziato di essere consapevole del recente orientamento del Consiglio di Stato, secondo cui le installazioni di stazioni radio base sono assimilate alle opere di urbanizzazione primaria, per cui la legittimazione a ricorrere necessita di un quid pluris rispetto alla mera vicinanza che può invece avere ad oggetto interventi di esclusivo interesse privatistico.

Fatta questa premessa, secondo il TAR il ricorso dei residenti è basato su elementi “palesemente infondati nel merito”. Innanzitutto, è stato ricordato che i ricorrenti non hanno dimostrato la violazione delle distanze rispetto agli elettrodotti più volte citati nel loro ricorso all’interno del centro sportivo; inoltre, non sono stati in alcun modo contestati i pareri forniti dall’ARPA Lazio che ha certificato il rispetto dei limiti di esposizione dell’impianto.

Inoltre, secondo quanto risulta, la Direzione Tecnica dell’Ufficio Ambiente del Municipio IX di Roma Capitale, ha accertato nel corso dell’istruttoria, tramite il sistema informatico della Mappa del Patrimonio Immobiliare Comunale, l’inesistenza, nelle vicinanze della zona d’esame, di immobili di proprietà di Roma Capitale da utilizzare prioritariamente per l’installazione dell’antenna.

A tal proposito, nemmeno gli stessi ricorrenti hanno saputo individuare localizzazioni alternative tra quelle preferenziali previste dal Regolamento di Roma Capitale.

Infine, secondo i cittadini ricorrenti la Regione Lazio avrebbe violato le disposizioni che disciplinano gli interventi nelle aree qualificate come quella in esame, tratte dal Piano Territoriale Paesaggistico Regionale.

Secondo tale piano, le società Vodafone e WindTre non avrebbero fornito il cosiddetto SIP, val a dire lo Studio di Inserimento Paesistico.

Ma le disposizioni normative citate (le numero 28 e 54 del Piano Territoriale Paesaggistico Regionale) sono state già annullate dalla Corte Costituzionale con una recente sentenza del 17 Novembre 2020 relativa un caso di conflitto di attribuzioni, dunque i ricorrenti non possono addurre le disposizioni oramai decadute a fondamento dell’illegittimità dell’Autorizzazione rilasciata.

Per tutte queste ragioni, il TAR ha respinto il ricorso ordinando però la compensazione delle spese per la novità della materia contesa, confermando la legittimità dell’autorizzazione concessa da Roma Capitale a Vodafone e WindTre

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

MondoMobile.News

Back to top button