Iliad ricerca tecnici sul campo e Field Regional Coordinator su gran parte del territorio italiano


Nella giornata di oggi, Lunedì 11 Marzo 2019, il gestore telefonico Iliad ha pubblicato sul proprio sito delle nuove offerte lavorative per le posizioni di Field Technician e Field Regional Coordinator per svariate sedi in Italia.

Nello specifico, per quanto riguarda il Field Regional Coordinator, si ricercano figure professionali da inquadrare con contratto a tempo indeterminato per: Abruzzo, Toscana, Campania, Emilia Romagna, Puglia, Veneto, Sicilia e Lombardia.

iliad

Le risorse ricercate da Iliad per questa posizione si occuperanno di coordinare le attività di collaudo e attivazione dei nuovi siti e degli apparati trasmissivi, della pianificazione delle attività di attivazione e manutenzione dei siti, inclusa l’organizzazione della turnazione del personale, della coordinazione delle attività di manutenzione correttiva e preventiva della rete Radio, ma anche di garantire l’aggiornamento della documentazione tecnica e di effettuare daily reporting delle varie attività.

Sarà inoltre necessario pianificare sondaggi e rilevamenti presso le centrali di rete per consegna dei Central Office, monitorare le attività di fornitori esterni, gestire processi di spare part management e, all’occorrenza, eseguire interventi di manutenzione sui siti e sugli elementi di rete in quota, in ottemperanza alle norma di SSL.

   

Infine, sarà anche importante gestire il tracciamento e l’assegnazione di attrezzature e strumenti di lavoro, sovraintendendo le attività lavorative svolte dal proprio team nel rispetto delle normative di Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08).

ferie

Per quanto concerne invece la figura di Field Technicianle sedi in cui è stata aperta la pozione lavorativa sono: Calabria, Abruzzo, Toscana, Emilia Romagna, Campania, Puglia, Lombardia, Piemonte, Lazio, Veneto, Sicilia, Sardegna, Trentino e Friuli. In questi casi si ricercano anche giovani neo-diplomati o laureati.

Si tratta di una posizione che prevede lo svolgimento di una serie di attività tecniche sul campo, tra cui lavori di installazione, attivazione e manutenzione delle apparecchiature di rete radio, secondo delle specifiche linee guida interne.

Le mansioni previste sono parecchie, come il garantire la continuità del servizio h24 e la manutenzione della rete, la risoluzione di problematiche di primo livello per la manutenzione preventiva o incidentale ed il garantire la disponibilità di First Line Maintenance (FLM) per la risoluzione dei guasti hardware e software sui sistemi di rete mobile e sulla rete principale.

Si dovranno anche effettuare prove standard su cavi in fibra ottica e sui cosiddetti i sistemi RF, coordinare e supervisionare i subappaltatori ed effettuare l’accettazione dei nuovi siti radio. Le attività potrebbero dover essere espletate in quota, applicando tutte le norme in materia di sicurezza sul lavoro e le politiche di sicurezza aziendale.

Le risorse destinate alle posizioni trattate in questo approfondimento devono vantare un’esperienza completa nelle diverse tecnologie componenti una rete radio mobile (come ad esempio Microwave, fibre ottiche e concentratori IP) e nei sistemi infrastrutturali di power AC/DC e clima, una conoscenza delle dinamiche di installazione dei dispositivi e dei sistemi radianti ed un’esperienza pregressa nel medesimo ruolo, o in un ruolo strettamente affine, da 2 a 10 anni con un’esperienza professionale di massimo 15 anni.

Si richiedono inoltre, ottime capacità comunicative e relazionali, la conoscenza della lingua inglese o francese e la disponibilità a viaggiare frequentemente in tutta la regione di riferimento e sul territorio nazionale.

Per quanto riguarda i neo-diplomati o laureati in Informatica e Telecomunicazioni o in Elettronica ed Elettrotecnica (anche triennale), si richiede un’esperienza nel ruolo specifico o in ruoli analoghi sino 2 anni.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.