Fondazione TIM e Unicam presentano l’edizione 2019 della Python Summer School


TIM ha deciso di organizzare l’edizione 2019 della Python Summer School per arricchire l’offerta didattica dell’Università di Camerino, fondata in età medievale nel comune italiano della provincia di Macerata colpita dal sisma nel 2016.

Nell’ormai lontano 2016, nel centro Italia, più precisamente a Camerino (Marche) e Gualdo Tadino, ebbe luogo un terremoto di magnitudo di 5.4. E’ sempre difficile ripartire in queste situazioni ed oggi, a distanza di 3 anni dall’accaduto, le zone colpite sembrano essere tornate alla normalità grazie alla perseveranza degli abitanti e a diversi aiuti di enti privati e pubblici.

Il supporto nelle zone colpite continua ad esserci, come dimostra l’ultima iniziativa da parte della Fondazione TIM con un progetto che vedrà coinvolta l’Università di Camerino (Unicam), precisamente la facoltà d’informatica, in cui sono stati stanziati 100.000 euro per l’avvio dell’edizione 2019 della Python Summer School, secondo quanto affermato in un comunicato stampa del 6 Marzo 2019 di TIM.

   

Il Python è un linguaggio di programmazione utilizzato in molti tipi di sviluppo software. L’obiettivo dell’ateneo e di Fondazione TIM, è quello di integrare all’interno dei corsi anche Advanced Python for Big Data and Machine Learning, arricchendone ulteriormente l’offerta formativa.

Tutto questo è possibile anche grazie gli sforzi congiunti tra la sezione d’informatica dell’Università di Camerino, coordinata dal prof. Flavio Corradini, ed ai ricercatori di e-Lios, spin off di Unicam. Il Rettore dell’Unicam, il Prof. Claudio Pettinari, si è dichiarato entusiasta di tale iniziativa:

Ringrazio, a nome di tutta la comunità universitaria, la Fondazione TIM per aver voluto sostenere il nostro Ateneo attraverso il finanziamento di questo progetto che prevede azioni sia sull’offerta formativa che sulle strutture messe a disposizione dei nostri studenti, per poter fornire loro una formazione sempre più specifica e professionalizzante e spendibile nel mondo del lavoro. Unicam, in questi ultimi due anni, ha saputo trasformare le criticità sorte in seguito al sisma in opportunità e la progettualità emersa dai nostri docenti e ricercatori ha evidenziato come si possa trarre il meglio in ogni occasione e quanta competenza e creatività siano bagaglio necessario in ogni ambito”.

Questa collaborazione, secondo il Rettore, aiuterà gli allievi a sviluppare ulteriori competenze in ambito della progettazione software, cosa che potrà tornare molto utile in futuro. Sulla questione è anche intervenuta Loredana Grimaldi, Direttore Generale di Fondazione TIM, dichiarando che il loro obiettivo è quello di dare un contributo concreto per la ripresa del territorio dopo il sisma che non si esaurirà con la summer school, ma continuerà a generare impatto di medio e lungo termine.

Il laboratorio, verrà allestito nella nuova struttura accanto al Polo Informatico, e sarà dotato di 30 postazioni Thin Client con architettura Virtual Desktop Infrastructure, permettendo agli studenti di approfondire e studiare il software in questione.

La Python Summer School, oramai giunta alla dodicesima edizione, attrae a livello internazionale studenti da tutto il mondo, come testimoniato dall’edizione dello scorso anno che si è tenuta proprio in Unicam, e che ha visto la partecipazione di trenta giovani studenti universitari provenienti da paesi quali Germania, Argentina, Polonia, Olanda, Messico, USA, Giappone, Canada e Italia.

Tale iniziativa durerà una settimana e si svolgerà durante il mese di Settembre 2019, e vi parteciperanno, in qualità di tutor e speaker, anche diversi esperti della comunità scientifica.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.