Tim: a Torino la demo live di automotive, turismo digitale e tanti altri servizi portati dal 5G


La città di Torino si conferma ancora una volta uno dei primi centri di sperimentazione del 5G in Europa, grazie all’evento organizzato nelle giornate di oggi e domani, a Palazzo Madama e Piazza Castello, dove saranno mostrate al pubblico delle demo “live” dei principali servizi che porterà l’avvento della rete di quinta generazione.

Tim ed Ericsson hanno sfruttato l’occasione per accendere la prima antenna 5G a onde millimetriche, installata in un centro storico italiano.

La notizia è stata diramata attraverso una nota stampa, redatta oggi, 26 Ottobre 2018, dall’ufficio stampa di Tim, riportante, tra le tante notizie, anche le dichiarazioni di alcune importanti personalità delle società interessate dal progetto.

Paola Pisano, Assessora all’Innovazione & Smart City della Città di Torino, Elisabetta Romano, Chief Technology Officer di TIM,  Mario Di Mauro,  Direttore Strategy, Innovation & Customer Experience di TIM, Federico Rigoni e Giuseppina De Santis, rispettivamente Amministratore Delegato di Ericsson Italia e Assessore alle Attività Produttive, Innovazione e Ricerca della Regione Piemonte, hanno fatto luce oggi, su alcune delle nuove frontiere della tecnologia mobile 5G, quali: automotive, industria 4.0, turismo digitale, smart city e droni.

   

Sono proprio questi gli ambiti protagonisti della demo “live”, realizzata in collaborazione con Objective Software, in scena oggi e domani a Torino: tra droni utili al monitoraggio ambientale, robotica industriale, soluzioni smart city per l’ottimizzazione dei servizi pubblici, un’auto di serie guidata da remoto e turismo virtuale in HD, il pubblico avrà tanto di che guadare.

Nello specifico, all’interno di Palazzo Madama è stata installata una postazione di guida remota con accesso ai relativi flussi video provenienti dall’esterno, mentre all’esterno, nell’antistante Piazza Castello si trova l’auto in grado di muoversi autonomamente in una zona protetta della piazza. Il pubblico oltre che assistere, può anche provare a guidare il veicolo da remoto.

La macchina è dotata di una piattaforma di controllo capace di raccogliere, in tempo reale dati e contenuti multimediali dai vari sensori, telecamere e radar installati, e trasmetterli alla postazione remota, mediante l’utilizzo della nuova rete di quinta generazione affidabile e sicura in termini di banda per il trasporto del flusso video del veicolo e di latenza sull’invio dei dati forniti. Nei mesi futuri è previsto l’avviamento del progetto Smart Road, volto alla sperimentazione su ampio raggio di automobili a guida autonoma, su alcune aree protette della città.

Sarà anche mostrato un particolare prototipo di PC Intel su rete 5G per testimoniare i progressi raggiunti per arrivare ad integrare queste avanzate tecnologie di connettività wireless in PC portatili.

Ma non finisce qui, perchè infatti saranno tante altre le applicazioni della rete di quinta generazione visibili nei 4 corner installati a Palazzo Madama, grazie alla tecnologia di Intel.

Il corner pensato per i droni, consente di conoscere un’applicazione sviluppata insieme a Seikey, utile per monitorare l’ambiente. Nello specifico questa è utile per tenere sotto controllo le stazioni  Radio Base TIM, attarverso l’utilizzo di varie modalità, tra cui anche quella in tempo reale su rete 5G, cosi da rendere più semplice la manutenzione per luoghi ed infrastrutture che come queste, non sono facilmente accessibili.

A proposito di droni, nel comunicato si legge che Tim ha fatto partire un nuovo progetto di ricerca che ha lo scopo di rendere Torino la prima città dotata di una rete Drone-Ready.

Mario Di Mauro, Direttore Strategy, Innovation & Customer Experience di TIM , si è espresso cosi:

Con l’anteprima assoluta dell’auto a guida completamente remota su rete 5GTorino compie un passo fondamentale verso la realizzazione della Gigabit society. La robotica, i droni e le applicazioni di smart city e virtual reality che oggi mostriamo alla città saranno i driver per il successo del business digitale del futuro, sempre più orientato a connettere cose oltre che persone grazie alle enormi potenzialità della nuova rete ultrabroadband 5G. In questo scenario manterremo un ruolo di assoluta leadership con partner di riconosciuta affidabilità e con l’obiettivo di semplificare la quotidianità dei nostri clienti che riconoscono in noi un primato di qualità di rete e di servizi rispetto ai competitor”

L’altro corner dedicato all’industria 4.0, si focalizza su una Mobile Training Cell, realizzata in collaborazione con Comau, dotata di un simulatore (Digital Twin) che riproduce in 3D, su un monitor, i movimenti del braccio robot reale tramite connessione 5G. Si tratta di una tecnologia in grado di connettere, scambiare dati e gestire impianti industriali a distanza, cosi da migliorare in modo significativo il ciclo produttivo. E’ stata implementata insieme ad Altran, anche un’altra soluzione di Automated Guided Vehicle, utile per la guida automatica di veicoli trasportatori all’interno delle fabbriche e dei magazzini.

Per quanto riguarda le Smart City e la Pubblica Sicurezza, nel corner ad esse dedicato, si può toccare con mano la Smart City Control Room di Torino, che consente l’accesso ad alcuni servizi 5G per la città, come ad esempio: smart parking, smart waste, smart traffic, smart lighting, smart bench, smart green e smart environment. Presentata pure una soluzione di  videosorveglianza mobile realizzata con la collaborazione con le Forze dell’Ordine di Torino.

Nel dettaglio, a realizzare i servizi di smart parking e smart lighting  è stata Olivetti sulla nuova rete 5G NB-IoT di TIM, che consente lo sviluppo di svariati servizi IoT a costi contenuti.

Infine l’ultimo corner è quello per il Turismo Digitale. Qui la gente, con l’ausilio di occhiali per la Virtual Reality, può vivere un tour al’interno delle Gallerie del Museo Pietro Micca,  con la possibilità di interagire con una guida reale del museo ed esplorare aree attualmente non accessibili al pubblico.

Inoltre Tim ed Ericsson hanno deciso di sfruttare l’occasione, per accendere in Piazza Castellola prima antenna 5G a onde millimetriche in un centro storico italiano, evidenziando ancora di più l’importante ruolo di Torino nell’ambito dello sviluppo di nuove tecnologie digitali nel mondo.

Oggi a Torino, sede dei nostri laboratori, abbiamo attivato la prima antenna 5G a onde millimetriche nel centro storico. Grazie alla sua ultravelocità e alla latenza 10 volte inferiore rispetto alle reti mobili attuali, mostriamo in anteprima ai visitatori la forza del 5G per abilitare la vita digitale di cittadini e imprese. Il 5G rappresenta la vera rivoluzione che presto tutti sperimenteranno nella propria vita quotidiana: si tratta di applicazioni e servizi resi possibili grazie alla qualità dell’infrastruttura della rete di TIM, già pronta a integrare gli standard tecnologici del 5G dopo i primati tecnologici ottenuti sulla virtualizzazione delle componenti di rete”.

Sono state queste le parole a riguardo, dichiarate da Elisabetta Romano,Chief Technology Officer di TIM.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.