Vittorio Colao rinuncia ufficialmente alla carica di capo esecutivo di Vodafone Group, che andrà a Nick Read dall’Ottobre 2018


Con un comunicato stampa redatto oggi, Martedì 15 Maggio 2018, Vodafone annuncia ufficialmente al mondo che Vittorio Colao non sarà più lo Chief Executive dell’azienda. Sarebbe stato lui stesso a rinunciare alla prestigiosa carica che sarà occupata da Nick Read dall’1° Ottobre 2018.

Vittorio Colao, CEO Vodafone Group

Di origine lombarda, Vittorio Colao detiene una laurea alla Bocconi ed un Master in Business Administration alla Harvard University. La sua carriera è iniziata prestando servizio alla celebre banca d’affari Morgan Stanley, successivamente ha anche lavorato per la McKinsey & Company a Milano.

Entra nel mondo della telefonia nel 1996, quando diventa direttore generale di Omnitel dove, dopo soli 3 anni viene nominato amministratore delegato della divisione italiana. Da lì è una escalation che sembra non aver fine, nel 2001 infatti, diventa CEO regionale per l’Europa meridionale e un anno dopo, membro del consiglio di amministrazione della società. Ha per un breve periodo lasciato Vodafone fino all’Ottobre del 2006, periodo nel quale è ritornato come vice amministratore delegato a capo della divisione Europa. E’ il 29 luglio 2008 quando sostituisce Arun Sarin come amministratore delegato di Vodafone.

Durante il decennio sotto la sua guida, Vodafone è diventata una delle aziende convergenti leader al mondo, con un portafoglio clienti tra i maggiori in assoluto grazie all’attuazione di una strategia che l’ha portata a raggiungere la quota di 536 milioni di clienti mobili in 25 paesi. Può vantare anche il fatto di aver lasciato in regola i conti dell’azienda, che nell’ultimo trimestre, ha fatto registrare un aumento degli introiti dell’11,8%, pari a oltre 14 miliardi di euro.

   

Dopo tanti anni scanditi da altrettanti successi, Vittorio ha adesso deciso di lasciare l’azienda che tante soddisfazione gli ha regalato, ecco le sue parole:

“Lascio per una mia decisione. Stiamo scrivendo un nuovo capitolo della nostra storia ed è molto salutare avere un team dedicato a questo. Sono molto contento che sia stato scelto Nick Read come successore, è una persona eccezionale e incredibilmente resistente. La sola al mondo che è riuscita ad essere a mio riporto per 12 anni, nessun altro ci è riuscito”.

Gerard Kleisterlee, presidente del Gruppo Vodafone, ha dichiarato:

“A nome del Consiglio vorrei esprimere la nostra gratitudine a Vittorio per un mandato eccezionale. È stato un leader esemplare e un visionario strategico che ha supervisionato alla trasformazione di Vodafone in una piattaforma globale di comunicazioni convergenti, pronta per il Gigabit futuro. Vittorio lascerà come sua eredità una compagnia di grande integrità con forti valori inclusivi che è eccezionalmente ben posizionato per il decennio successivo.”

Sarà l’attuale Chief Financial Officer del Gruppo, Nick Read, a percorrere le orme di Colao a partire dal primo Ottobre 2018, quando le redini dell’azienda passeranno ufficialmente nelle sue mani. Mentre Margherita Della Valle, il vice direttore finanziario succederà a Read come Group Chief Financial Officer.

Gerard Kleisterlee si è espresso anche su di loro: 

“Nick è stato il co-architetto della strategia del gruppo insieme a Vittorio, unendo una vasta leadership operativa e commerciale con alcune scelte finanziarie di prim’ordine. Sono fiducioso che Vodafone trarrà molto beneficio dalla sua esperienza, intuizione e saggezza nel suo nuovo ruolo di Group Chief Executive. Margherita invece, detiene una forte leadership finanziaria e sono lieto di darle il benvenuto al Consiglio.”






 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus