FuturoVodafone

Bosch, Vodafone e Huawei: una nuova sinergia per le auto del futuro

Nell’epoca in cui ogni cosa deve essere digitalizzata e connessa, anche le automobili hanno bisogno di rinnovarsi e di sottostare ai nuovi ritmi di passaggio informazione. A tal fine è stata creata la tecnologia Cellular-V2X, acronimo di “vehicle to everything”, che si basa sul passaggio di informazioni tra veicoli o da un veicolo a qualsiasi entità che lo circonda, utilizzando la telefonia mobile. Da quasi un anno Bosch, Vodafone e Huawei stanno testando tale comunicazione tra le automobili intelligenti, vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

 

Ci siamo già occupati dei “vehicle to everything”, nell’ambito del contesto Vodafone, vediamo oggi come procede la sperimentazione, grazie alla collaborazione con Bosch e Huawei.

La comunicazione “veicolo a tutto” è, oggigiorno, testata da Bosch Vodafone e Huawei sul campo, per la precisione la sperimentazione è in atto sull’autostrada A9 in Baviera, grazie all’uso di moduli con connessione 5G. La nuova tecnologia, fondamentale per garantire la sicurezza in aree remote o poco sviluppate, sta dando buoni risultati, il che via via sta consolidando l’idea che concretamente Cellular-V2X può essere utilizzata in abbinamento a sistemi di assistenza alla guida che, nella maggior parte dei casi, sono già presenti sulle automobili di nuova generazione.

Un esempio calzante a tal riguardo è l’integrazione della tecnologia Cellular-V2X con il sistema Adaptive Cruise Control (ACC). L’Adaptive Cruise Control risulta, grazie all’inserimento della nuova tecnologia di comunicazione, diverso e maggiormente funzionale. Il nuovo livello ACC, infatti, avvisa il guidatore di un cambio di corsia tempestivo o in caso di una brusca frenata dell’auto che lo precede. Oltre a tali funzioni rivoluzionarie, la sinergia tra ACC e tecnologia comunicativa consente all’auto di accelerare e di frenare in totale autonomia, grazie a dati in arrivo dalle auto connesse presenti sulla strada, ponendo così le basi per la guida autonoma.

La tecnologia Cellular-V2X consentirà, nel prossimo futuro, anche di ricevere informazioni relative a ciò che accade a un incrocio non visibile dal guidatore, sull’altro senso di marcia di un’autostrada o dietro alla propria auto.

Proviamo a comprendere quali vantaggi può fornire l’integrazione del sistema Cellular- V2X con l’ACC. Oggi il sistema di Adaptive Cruise Control agisce grazie all’istallazione di sensori che, oltre a mantenere la distanza tra le auto, rilevano i veicoli che tagliano la strada. Qualora, invece, venisse integrata la tecnologia Cellular-V2X, questi eventi pericolosi, per la propria e per l’altrui sicurezza, potrebbero essere rilevanti ancora prima. I veicoli, infatti, forniti di moduli di telefonia mobile, trasmettono informazioni dettagliate al conducente, evitando problemi o brusche frenate. Tra le principali informazioni inviate al conducente sono fondamentali la velocità, il comportamento delle altre auto e le incongruenze che caratterizzano corsie o particolari strade. Possiamo così facilmente comprendere l’importanza del sistema Cellular – V2X: meno stress alla guida, meno traffico e, soprattutto, meno incidenti.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button