AECI: “Evitate investimenti in azioni e obbligazioni bancarie”


aeciCarife, Banca Marche, Carichieti e Banca Etruria sono state salvate ricorrendo ai fondi del sistema bancario. Ma anche con l’azzeramento del valore di azioni e obbligazioni di subordinate. La rabbia dei risparmiatori, magari inconsapevoli, che si sono visti bruciare il gruzzolo di una vita.

L’Associazione Europea Consumatori Indipedenti sta valutando la reale fattibilità delle varie azioni che si possono intraprendere. Già nel passato infatti A.E.C.I., a fronte di valutazioni negative, ha deciso di non assistere consumatori in vicende analoghe per evitare illusioni e aggravi di spesa inutili.

Di fatto, comunque, la vicenda delle Banche Carife, Banca Marche, Carichieti e Banca Etruria e situazioni analoghe come Banca Popolare di Milano fanno riflettere sulla reale rischio dei risparmiatori italiani e, a questo punto, l’unico consiglio che si può dare è quello di evitare di investire in obbligazioni che oggi possiamo considerare a rischio.

Comunicato Stampa A.E.C.I.

 

   

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.