Rimodulazioni Tariffarie

Interrogazione parlamentare in merito alle rimodulazioni tariffarie. Mondo Mobile Web alla Camera

peopleNella banca dati del sito ufficiale della Camera dei Deputati scopriamo che l’On. Ruocco Carla, in un’interrogazione parlamentare con risposta scritta al ministro dello sviluppo economico, ha citato il nostro blog Mondo Mobile Web come fonte informativa per sottolineare la poca trasparenza di qualche operatore di telefonia mobile nei confronti degli utenti. Ne pubblichiamo il testo perché pensiamo sia una notizia molto importante per il consumatore; speriamo che questa interrogazione possa portare ad una modifica dell’articolo 70 del decreto legislativo 259 del 2003.

 “La tutela dei consumatori si basa da sempre sulla trasparenza e sul rispetto delle condizioni contrattuali, requisiti senza i quali si rischia di ricadere in abusi che non possono essere giustificabili specie nei casi in cui una delle parti risulta essere in una condizione di forza rispetto all’altra; è accaduto svariate volte, tuttavia, che le compagnie di telefonia mobile non sempre hanno garantito chiarezza e trasparenza ai loro utenti lucrando significativi guadagni su condizioni equivocabili o su interpretazioni dubbie del diritto; tale è la condizione reale, a parere dell’interrogante, e se ne trova una dettagliata descrizione nell’articolo «Rimodulazione TIM per alcune tariffe base, in cambio 500 sms verso tutti per 12 mesi ogni domenica» pubblicato online su www.mondomobileweb.it.

In questa nota viene spiegato che TIM, utilizzando l’articolo 70, comma 4, del decreto legislativo n. 259 del 2003, continuerebbe la rimodulazione di alcuni suoi piani tariffari base dopo aver rimodulato nel mese di maggio 2013 molte tariffe attivate negli anni ’90 (arancione ok, arancione più, azzurra, blu, gialla, rossa, unica 10, unica di TIM) trasformate in TIM COLORE.
I piani tariffari sottoposti alla suddetta rimodulazione sarebbero Tim sempre, Tim parla, flash TIM new, TIM menù new e, più in generale, quelle in cui è previsto un meccanismo di autoricarica, mentre per chi attivò l’opzione «MegAutoricarica» con la tariffa associata «Easy TIM», tale opzione sarà disattivata;
In modo similare a ciò che fece Vodafone nel settembre 2012, TIM, per compensare il cambio, avrebbe istituito una specifica promozione, domenica Sms, che consiste nella possibilità di inviare 500 sms gratis verso tutti ogni domenica per 12 mesi dall’attivazione; i clienti vengono avvisati del cambio attraverso un semplice sms.
TIM definisce questo processo «Semplificazione tariffaria»: la semplificazione delle tariffe base serve per eliminare piani tariffari storici obsoleti e di complessa gestione anche per il consumatore stesso.
In base sempre all’articolo 70, comma 4 del decreto legislativo n. 259 del 2003, TIM ricorda che nella propria «area fai da te» è possibile recedere dal contratto senza costi di disattivazione e penali entro la data della rimodulazione;
è capitato, però, il consumatore non riceva alcun SMS informativo della rimodulazione, e quindi conosce solo successivamente il cambio della tariffa, con gravi disagi sia per il reperimento delle informazioni utili, sia perché il calcolo preventivato dei costi era effettuato sulla base della tariffa precedente:
“si chiede dunque se si è a conoscenza dei fatti esposti in premessa e se non ritenga di adottare iniziative normative atte a stabilire che, in caso di rimodulazione della tariffa, il gestore telefonico sia tenuto ad informare il cliente tramite metodi più efficaci e sicuri rispetto all’utilizzo di messaggistica istantanea quali, per esempio, l’invio di raccomandata o di comunicazione attraverso posta elettronica certificata e in particolare se non ritenga di porre specifiche limitazioni alle modifiche contrattuali unilaterali di cui all’articolo 70, comma 4, del decreto legislativo n. 259 del 2003.”Mondo Mobile Web è un sito ad uso dei consumatori creato dai consumatori italiani nel mercato della telefonia mobile in Italia e punta sull’interferenza costruttiva e vuole essere strumento nelle mani degli stessi lettori e terreno di scambio di idee, opinioni, proposte.
Alla luce dell’interrogazione parlamentare che il nostro sito ha suscitato, invitiamo ancora di più tutti i nostri utenti a segnalarci disservizi e osservazioni; in futuro, altri nostri rappresentanti in Parlamento potrebbero farne buon uso e portare così in sede istituzionale un contributo costruttivo in favore dei cittadini.

Aggiornamento con la Risposta del 2 Dicembre 2013 da parte di Antonio Catricalà (Vice Ministro Sviluppo Economico):

Atto Camera Risposta scritta pubblicata Lunedì 2 dicembre 2013 nell’allegato B della seduta n. 129 4-01084 presentata da RUOCCO Carla — In tema di rimodulazione tariffaria la disposizione di cui all’articolo 70, comma 4, del decreto legislativo n.259 del 2003, prevedendo l’obbligo di informare la propria clientela con un anticipo di almeno 30 giorni circa le modifiche contrattuali riconosce di fatto la facoltà di proporre modifiche unilaterali delle condizioni contrattuali, nella misura in cui la clientela sia stata preventivamente informata di tali modifiche, in modo tale che il cliente che non intenda accettarle possa comunque esercitare senza penali il proprio diritto di recesso. Il diritto di recesso senza penali, quindi, deve essere assicurato dal gestore alla propria clientela sia sotto il profilo della preventiva informativa (avvenuta con 30 giorni di anticipo) sia sotto quello del relativo esercizio di recesso quale misura alternativa che il cliente può adottare laddove non intenda accettare le modifiche delle proprie condizioni contrattuali. Al riguardo, il legislatore ha utilizzato, nel testo dell’articolo 70 comma 4, due locuzioni che non lasciano spazio a particolari dubbi interpretativi: «adeguato» riferito al preavviso, che non può essere inferiore a trenta giorni, e «nel contempo» (ovvero contemporaneamente) relativamente al dovere di informare il cliente sulla possibilità di recedere. Ne discende che l’operatore telefonico deve contestualmente comunicare al cliente le variazioni contrattuali ed il relativo diritto di recesso. Pertanto, in assenza di una previsione legislativa in ordine all’obbligatorietà di una forma specifica di comunicazione ad probationem, si deve ritenere che la notifica, ancorché tramite Sms, della sola rimodulazione, con indicazione espressa del conseguente diritto di recedere dal contratto, equivale a soddisfare l’obbligo informativo di cui alla norma citata. In ordine all’idoneità dello Sms quale strumento informativo, si deve evidenziare che, a prescindere dal fatto che in tutte le versioni contrattuali la scelta sulle modalità di invio delle informative in ordine alle modifiche tecniche/economiche da utilizzare (raccomandata A.R., posta ordinaria, posta prioritaria) è comunque rimessa al gestore, l’utilizzo della messaggistica istantanea nell’ambito dei piani tariffari mobili di tipo prepagato, costituisce lo strumento di comunicazione più efficace e tempestivo in termini di immediatezza e ricettività anche in considerazione del fatto che il servizio di comunicazione elettronica di rete mobile, per la sua tipicità, può essere utilizzato da un soggetto diverso dall’effettivo intestatario dell’utenza telefonica mobile senza che il gestore ne abbia contezza. Si fa presente, inoltre, che sull’argomento è in corso un procedimento per la modifica della delibera n.664/06/CONS, recante «Regolamento recante disposizioni a tutela dell’utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza», che prevede l’introduzione di regole specifiche in materia, ivi incluse modalità standard per la comunicazione alla clientela delle modifiche contrattuali. È possibile valutare l’opportunità di un intervento normativo concernente l’adozione di misure limitative alle modifiche contrattuali unilaterali, tenendo presente tuttavia che la facoltà di apportare modifiche contrattuali è sancita espressamente dall’articolo 70, comma 4, del decreto legislativo n.259 del 2003 e la stessa, nell’ottica della strategia aziendale, costituisce piena espressione del principio di autonomia contrattuale di cui all’articolo 1322 del codice civile.

Antonio Catricalà, Viceministro dello sviluppo economico

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button