LavoroVodafone

Vodafone e Sindacati: gli effetti della digitalizzazione sul perimetro occupazionale

Lunedì 2 maggio 2022 si è svolto incontro tra la direzione aziendale di Vodafone Italia, le Segreterie nazionali e territoriali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni ed il coordinamento RSU per discutere della procedura di riduzione di personale, nelle more degli accordi sottoscritti per la gestione delle eccedenze derivanti dagli impatti della digitalizzazione sul settore delle Telecomunicazioni.

La procedura si è chiusa con accordo, individuando quale unico criterio per l’uscita la non opposizione al licenziamento. Alle lavoratrici ed ai lavoratori che intenderanno aderire al presente accordo è prevista una incentivazione all’esodo lordo di 44 mensilità più 20mila euro per i part-time e 40 mensilità più 30mila euro per i full-time.

L’occasione è stata utile per fare il punto sulle uscite precedenti, per avere un aggiornamento dettagliato sull’andamento del reskilling e confrontarsi sulle prossime iniziative da mettere in campo per governare gli effetti della digitalizzazione sul perimetro occupazionale.

In relazione alle uscite, hanno aderito alla precedente procedura di incentivazione all’esodo circa 30 persone, ed altrettante sono in attesa di valutazione Inps dei requisiti per poter accedere alla isopensione.

A seguito di una importante fase di formazione finalizzata alla riqualificazione l’intero sito di Ivrea è stato convertito in area Technology, mentre circa 250 persone hanno completato la fase di reskilling su altre attività esterne all’area customer. Un processo di riqualificazione, condiviso nei vari accordi sottoscritti tra Vodafone e le organizzazioni sindacali, che proseguirà nei prossimi mesi con l’internalizzazione di ulteriori attività “global” e “vois” di frodi, supporto vendite, servizi amministrativi hr, ecc.

Sulle prossime fasi formative saranno effettuati appositi incontri a livello di sito produttivo, anche in ottica rimodulazione turnistica ed orari di lavoro.

All’incontro ha preso parte, per un saluto nel suo primo giorno di lavoro in Vodafone, la nuova responsabile HR Silvia Cassano, che ha confermato la piena volontà aziendale di voler proseguire, in piena continuità con quanto fatto finora, in relazione allo sviluppo e realizzazione della contrattazione d’anticipo.

Le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni, preso atto dei buoni risultati traguardati grazie agli accordi finora sottoscritti in ottica di riqualificazione e riorganizzazione aziendale a difesa del perimetro occupazionale, confermano il buon sistema di relazioni industriali, rivolto ad un sano e proficuo confronto che ha permesso di gestire senza traumi la riqualificazione e le uscite di centinaia di lavoratrici e lavoratori in ambito customer.

Le Segreterie nazionali hanno chiesto la calendarizzazione di una serie di incontri a partire dall’accordo sullo Smart Working in scadenza a maggio 2022, per avere aggiornamenti circa il Premio di Risultato, per la valutazione degli effetti e risultati del contratto di espansione, sull’andamento della rete, in modo da affrontare per tempo e nel dettaglio i vari temi di interesse delle lavoratrici e dei lavoratori Vodafone.

Comunicato delle Segreterie Nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Ugl Telecomunicazioni

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button