Tim Fisso

Tim: Fibra già attivata in 136 comuni sui 280 previsti dal programma “aree bianche” della Sardegna

Sta per compiere il “giro di boa” il piano di TIM per l’attivazione della fibra ottica nelle “aree bianche” della Sardegna. Ad oggi, infatti, sono 136 i comuni in cui è stata realizzata ed è già operativa l’infrastruttura a banda ultralarga realizzata da TIM in collaborazione con Infratel, società in house del MISE, e con la regia della Regione Sardegna.

Cittadini e imprese stanno così beneficiando di servizi di connettività ad alta velocità fino a 200 megabit grazie a interventi di installazione dell’elettronica e al completamento di ulteriori collegamenti in fibra con gli anelli urbani di Infratel e verso le centrali.

Il processo di “accensione” della fibra in tutti i 280 comuni previsti dal piano verrà completato entro la fine del 2020, con il progressivo completamento della realizzazione delle dorsali da parte di Infratel e l’adeguamento delle centrali e dei cabinet stradali da parte di TIM.

Francesco Castia, Responsabile Operations di TIM per l’isola, afferma: “TIM ha già portato la banda ultralarga in 136 comuni della Sardegna rispettando in pieno il cronoprogramma degli interventi stabilito a suo tempo. Siamo particolarmente orgogliosi di essere impegnati fattivamente, attraverso un piano di investimenti di oltre 25 milioni di euro per dare una risposta concreta anche alle esigenze di connnettività dei comuni medio-piccoli, agevolando in tal modo il raggiungimento degli obiettivi previsti dall’agenda digiotale della Regione Sardegna“.

Tim Ricarica

Ecco l’elenco dei 136 Comuni nelle “aree bianche” della Sardegna in cui è già attiva la fibra ottica: Abbasanta, Lotzorai, Sardara, Ales, Lunamatrona, Sedilo, Ardauli, Mandas, Segariu, Assolo, Masainas, Selegas, Ballao, Mogorella, Senis, Baradili, Mores, Senorbì, Baressa, Narcao, Serrenti, Bari Sardo, Terraseo, Serri, Barrali, Neoneli, Setzu, Barumini, Norbello, Siamanna, Bonnanaro, Nughedu San Nicolò, Siapiccia, Bono, Nurachi, Siddi, Bonorva, Nuragus, Siliqua, Burcei, Nurallao, Silius, Cardedu, Nuraminis, Siurgus Donigala, Cargeghe, Nurri, Soleminis, Codrongianos, Nuxis, Suelli, Collinas, Olmedo, Suni, Decimoputzu, Orani, Teulada, Donori, Orotelli, Tissi, Erula, Orroli, Tonara, Escalaplano, Ortacesus, Torralba, Escolca, Oschiri, Tratalias, Esterzili, Osini, Tresnuraghes, Florinas, Pabillonis, Tuili, Furtei, Pau, Turri, Gavoi, Pauli Arbarei, Ulassai, Genoni, Paulilatino, Uras, Gergei, Perdasdefogu, Uri, Gesico, Perdaxius, Usini, Gesturi, Perfugas, Ussana, Ghilarza, Putifigari, Ussaramanna, Giba, Romana, Ussassai, Gonnesa, Sadali, Vallermosa, Seruci, Samassi, Villa San Pietro, Gonnoscodina, Samatzai, Villa Verde, Gonnosnò, Samugheo, Villamar, Gonnostramatza, San Basilio, Villamassargia, Guamaggiore, San Nicolò D’arcidano, Villanovaforru, Guasila, San Nicolò Gerrei, Villaperuccio, Isili, San Vito, Villaputzu, Jerzu, Santadi, Villaspeciosa, Laconi, Sant’Andrea Frius, Villaurbana, Laerru, Sant’anna Arresi, Zeddiani, Las Plassas, Sant’antonio Di Gallura, Loceri e Santu Lussurgiu.

L’iniziativa, frutto dell’accordo siglato lo scorso luglio tra TIM e Infratel, rappresenta una virtuosa sinergia tra pubblico e privato per superare il digital divide nel nostro Paese, in coerenza con la strategia nazionale per la diffusione della banda ultralarga, e prevede un acquisto rilevante da parte di TIM di infrastrutture di fibra spenta realizzate da Infratel. TIM sta utilizzando tali infrastrutture per portare la banda ultralarga nei comuni individuati dal progetto ricadenti nelle cosiddette aree “a fallimento di mercato“.

Questo intervento nella “aree bianche” si aggiunge a quanto già realizzato autonomamente e con propri investimenti da TIM nelle principali città della Sardegna, con una copertura a banda ultralarga che ad oggi raggiunge circa il 75% della popolazione, con l’obiettivo di superare l’85% a fine programma.

Comunicato Stampa

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button