Huawei: svelati a Londra i nuovi smartphone della serie Mate 20 e non solo


Nella giornata di ieri, Martedì 16 Ottobre 2018, a Londra, il noto produttore cinese Huawei ha presentato ufficialmente al mondo i nuovi smartphone Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro, entrambi appartenenti alla gamma denominata Mate 20. Spazio anche alla versione luxury Huawei Mate 20 RS Porsche Design e al Mate 20X.

A presentare i nuovi device della serie Mate 20 è stato l’attuale Ceo di Huawei, Richard Yu, sulla base del claim “Il futuro è al servizio del tuo talento, del tuo intuito e del tuo potenziale“.

Huawei Mate 20 Pro è dotato di uno schermo in vetro curvo da 6.39” oled con risoluzione 2K+ (3120 x 1440, 538), un processore Kirin 980 che ne aumenta prestazioni, velocità e potenza e una RAM di 6 o 8 GB a seconda della versione, che varia anche per il quantitativo di memoria interna disponibile, rispettivamente di 128 GB e 256 GB, a sua volta espandibile fino a 256 GB con la sostituta della tradizionale MicroSD, la NM Card.

La batteria da 4200 mAh, dotata di IA, è capace di ricaricarsi fino al 70% in 30 minuti e può contare oltre che sul quick charge, anche sulla possibilità di ricaricare un altro device simile semplicemente avvicinandoli, grazie alla tecnologia di reverse charge.

   

Per quanto concerne il comparto fotografico vanta una tripla fotocamera posteriore Leica che permette di scattare fotografie a distanza ravvicinata grazie ad un obiettivo dotato di sensore RGB da 40MP, un’ultra grandangolare da 20MP ed un teleobiettivo da 8MP che mette a fuoco gli scatti da lontano. L’intelligenza artificiale integrata al suo interno, gli permette di riconoscere oltre 1500 scenari, con colori, luminosità e contrasto che sono sottoposti a regolazione automatica. La fotocamera anteriore, integrata nel notch, è invece da  24 MP ed è accompagnata dai sensori che consentono lo sblocco facciale in 3D.

Il device è resistente agli spruzzi, all’acqua e alla polvere in determinate situazioni ed è dotato, oltre che del supporto Nfc, anche dei seguenti sensori: di gravità, di luce ambientale, di prossimità, Giroscopio, Compasso, di impronta digitale, di impronta digitale su schermo, sensore Hall, sensore laser, sensore a infrarossi e  sensore a temperatura a colori. Non è dual SIM e vi gira il sistema operativo Android EMUI 9.0.

Il fratello minore, Huawei Mate 20, è invece stranamente più grande, può infatti contare su un display LCD da 6,53″ con risoluzione FHD+ (2244 x 1080), sul processore Kirin 980, su una RAM di 4 o 6 GBa seconda della versione, e una ROM di 128 GB anche in questo caso espandibile con NM card fino a 256 GB. La batteria è invece di 4000 mAh ed il SO è Android  EMUI 9.0.


La fotocamera posteriore è sempre tripla, ma meno potente, con sensori di 12, 16 e 8 MP, e la frontale rimane invece da 24 MP.

Le sorprese di Huawei non sono però finite qua, infatti il noto produttore cinese ha svelato a sorpresa anche il Huawei Mate 20 RS Porsche Design, un modello di nicchia destinato a chi desidera acquistare uno smartphone più lussuoso costituito da vetro e pelle nella parte posteriore e Huawei Mate 20X, con schermo da 7,2″ e una batteria di 5000 mAh.

Secondo ansa.it il Huawei Mate 20 Pro è disponibile già dal giorno della presentazione, nelle 4 colorazioni Midnight Blu, Black, Emerald Green e Twilight al costo di 1049 euro Huawei Mate 20 lo è nelle tre colorazioni Blu Notte, Nero e Twilight a partire da 799 euro.

Mentre Huawei Mate 20 RS Porsche Design sarà acquistabile dal 16 Novembre 2018, al prezzo di 1695 euro, per la versione da 256 GB di memoria interna e di 2095 euro, per quella da 512 GB. In entrambi i casi la RAM è di 8 GB, mentre il Huawei Mate 20X lo si potrà comprare dal 26 Ottobre 2018, al costo di 899 euro.

Per informazioni più dettagliate sui dispositivi presentati dalla casa cinese e sull’evento di presentazione tenutosi a Londra, si consiglia la visita del sito ufficiale Huawei.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.