LexFoniaTimWindTreFastweb

Sui siti di TIM, Fastweb e Wind Tre appare la pronuncia del Tribunale di Milano sulla fatturazione a 28 giorni

Nelle ultime ore, sui siti web ufficiali degli operatori TIM, Fastweb e Wind Tre, è apparsa una comunicazione relativa al procedimento cautelare avviato dall’Associazione Movimento Consumatori, risoltosi con l’inibizione da parte del Tribunale di Milano, in data 5 Giugno 2018.

Si ricorderà che negli scorsi mesi il Movimento Consumatori aveva avviato un’azione collettiva nei confronti di Vodafone, che si era conclusa con una condanna da parte del Tribunale di Ivrea nell’Aprile del 2018.

Ora, i siti ufficiali di TIM, Fastweb e Wind Tre riportano delle comunicazioni, identiche nella sostanza, in cui viene reso noto che Il Tribunale di Milano ha inibito alle società l’uso e gli effetti, nei contratti di telefonia fissa, delle clausole che prevedono rinnovi e pagamenti su base temporale di 28 giorni o 8 settimane.

Tribunale Milano Wind Tre Fastweb TIM

Di seguito, la comunicazione ufficiale di TIM, identica a quella di Fastweb, ma che differisce da quella di Wind Tre solo per un dettaglio.

Il Tribunale di Milano, Sezione Undicesima Civile, all’esito di procedimento cautelare avviato da Associazione Movimento Consumatori, ha inibito a TELECOM ITALIA S.P.A. l’uso e gli effetti nei contratti di telefonia fissa (o di altri servizi offerti in abbinamento alla telefonia fissa), stipulati con i consumatori, di clausole che prevedono rinnovi e pagamenti su base temporale di 28 giorni/8 settimane. Sussiste, infatti, l’elevata probabilità che l’adozione e l’uso di tale periodicità, a far data dal 23.06.2017, leda diritti ed interessi collettivi dei consumatori, previsti dall’art. 2 Codice del consumo (1: diritto ad un’adeguata informazione ed ad una corretta pubblicità; 2: diritto a pratiche commerciali improntate a principi di buona fede, correttezza e lealtà; 3: diritto alla correttezza, alla trasparenza ed all’equità nei rapporti contrattuali) con violazione anche dei contenuti informativi minimi e del principio di trasparenza, previsti a favore dei consumatori utenti di servizi telefonici dagli artt. 70 e 71 Codice delle comunicazioni elettroniche. Sussiste, altresì, l’elevata probabilità che tale condotta si risolva in una pratica commerciale scorretta ingannevole, vietata dall’art. 20 Codice del consumo, in quanto l’adozione di tale periodicità (28 giorni), diversa da quella d’uso, appare contraria alla diligenza professionale ed idonea a falsare in maniera apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio, rendendo difficile la valutazione delle offerte ed il confronto tra le medesime, anche ai fini dell’esercizio della facoltà di recesso gratuito, prevista dalla legge in caso di mutamento unilaterale delle condizioni del servizio da parte dell’operatore telefonico

Le ragioni esposte per l’inibizione si ricollegano ai diritti fondamentali dei consumatori, quali quello all’adeguata informazione e alla correttezza e trasparenza nei rapporti contrattuali, necessari per un giusto confronto delle offerte telefoniche.

Come anticipato, il comunicato di Wind Tre è identico, ma l’operatore tiene a sottolineare un aspetto:

Wind Tre informa di aver già adeguato la fatturazione a mese solare dandone comunicazione ai propri clienti attraverso precedente avviso in fattura, sito, chiamata con risponditore automatico e email. Anche le condizioni generali di contratto disponibili sul sito https://www.infostrada.it/privati/moduli-utili/ sono state già aggiornate, eliminando qualsiasi riferimento alla periodicità di fatturazione a 28gg che, di conseguenza, non è più prevista.

Un recente comunicato del Movimento Consumatori, pubblicato in seguito alla decisione dell’AGCOM di restituire gli importi dei rinnovi a 28 giorni, ha riportato una dichiarazione del segretario generale del Movimento Consumatori, Alessandro Mostaccio, il quale esorta gli operatori telefonici ad accettare la decisione dell’AGCOM senza impugnare la delibera al Tar, ma riconoscendola al contrario come ragionevole, interrompendo così il lungo braccio di ferro con i consumatori.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Tag

Articoli Correlati

Back to top button
Close