Stop ai conguagli pazzi di luce, gas e acqua: arriva la nuova norma da Marzo 2018


Dopo più di due anni di discussioni in aula, è stata finalmente approvata la nuova norma che vieta i maxi conguagli nelle bollette di luce, gas e acqua, la cui partenza è prevista per marzo 2018.

Nonostante l’unanimità di Montecitorio, senza il via libera del Senato e l’imminente scioglimento delle Camere, la norma, che rischiava di cadere nel dimenticatoio, è stata invece inserita nella Legge di Bilancio grazie al deputato di Forza Italia e vice presidente della Camera, Simone Baldelli, il quale ha ottenuto il fatidico sì da parte sia del Governo che della Commissione Bilancio.

Il promotore della nuova legge commenta entusiasta “Abbiamo scritto una bella pagina parlamentare“, una pagina da tempo attesa da molte associazioni dei consumatori, che da anni si imbattono in errori di calcolo, presunti consumi, e richieste di arretrati. Grazie alla norma approvata, dal prossimo mese di marzo, le cose cambieranno: innanzitutto, nessun contribuente riceverà bollette spesso frutto di conguagli calcolati su periodi eccessivamente lunghi – in alcuni casi, anche più di cinque anni – in quanto il lasso di tempo massimo consentito sarà di due anni, e sarà inoltre possibile bloccarne il pagamento in caso di conguagli reputati ingiusti.

In merito, riportiamo quanto scritto da La Repubblica:

   

“In caso di bollette per conguagli riferiti a periodi maggiori di due anni e nell’eventualità in cui l’Antitrust abbia aperto un procedimento per violazioni del codice del consumo, l’utente, previo invio di un reclamo, ha diritto a ottenere uno stop del pagamento finché non si accerti che la pretesa della compagnia sia legittima. Toccherà al distributore di energia comunicare all’utente l’avvio del procedimento nei suoi confronti e informarlo sui suoi diritti. Fino a oggi invece non si praticava alcuna sospensione per il pagamento di bollette pazze e maxi conguagli, emessi in conseguenza di pratiche giudicate scorrette dall’Antitrust, né esisteva il diritto a rimborsi automatici delle somme versate ingiustamente. Invece ora, all’esito della verifica sulla legittimità della condotta della compagnia, i consumatori avranno diritto all’indennizzo dei pagamenti effettuati a titolo d’indebito conguaglio entro tre mesi. A meno che non sia stato lo stesso utente a non comunicare, o trasmettere in modo errato i dati di consumo sulla base dei quali sono stati effettuati i calcoli della bolletta.”

La norma verrà applicata gradualmente: si inizia con le bollette della luce, dal primo marzo 2018, poi del gas, da gennaio 2019 ed infine, dal 2020, dell’acqua, dove si registrano i conguagli maggiori, visto che i contatori meccanici sono nelle case, e non di immediata lettura. In merito a questo punto, verrà garantita anche una maggiore trasparenza per l’utente finale, in quanto, entro il primo gennaio 2020, si potrà accedere gratuitamente ai dati riguardanti i propri consumi tramite il Sistema informatico integrato (SII), una banca dati istituita per la gestione dei flussi informativi inerenti ai mercati dell’energia elettrica e del gas; mentre l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI), fornirà nuove misure per incentivare l’autolettura; ed infine l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) stabilirà le modalità postali per assicurare l’effettiva data di spedizione alle bollette ai proprio destinatari.

Non potevano mancare, infine, le parole del presidente di Adiconsum (Associazione Difesa Consumatori e Ambiente) Carlo De Masi, che con soddisfazione afferma: “L’approvazione della proposta di legge è per noi motivo di orgoglio. Ci auguriamo che il ricorso al coinvolgimento delle associazioni dei consumatori nella stesura di disposizioni a loro tutela diventi prassi consolidata“.

A rivelarsi perplessa è invece l’Unione Nazionale Consumatori, secondo cui “[…] restano alcune lacune e alcuni commi che richiederanno un’interpretazione e che ci costringeranno a ingaggiare una battaglia con le compagnie“.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.