Android 8.0 Oreo: piccoli passi avanti per migliorare sempre più i nostri smartphone


Android 8.0 Oreo è stato rilasciato il 21 agosto 2017 e nasce da una collaborazione tra Google ed un famoso produttore di dolci, come la versione 4.4 KitKat. Android Oreo è un aggiornamento che porta con se tante piccole novità, non rivoluzionarie, ma che comunque riescono a incrementare le prestazioni e l’autonomia complessiva degli smartphone, rendendoli sempre più efficienti.

Elenchiamo le principali novità:

  • Avviamento: l’ottimizzazione del codice ha permesso di dimezzare il tempo di avvio dello smartphone rispetto al suo predecessore.
  • Background limits: viene imposto un limite alle attività in background, riducendo i consumi e prolungando la durata della batteria.
  • Autofill: con il consenso dell’utente, permette di inserire automaticamente i dati di acceso (come email e password) nelle app dedicate.
  • Picture-in-pictures: consente di visualizzare due applicazioni contemporaneamente.

   
  • Notifications Dots: semplici pallini colorati che segnalano all’utente la presenza di notifiche per quella determinata app.
  • Notification Categories: le notifiche vengono categorizzate in base all’importanza.
  • Notification Snoozing: permette all’utente di posticipare le notifiche, scegliendo l’intervallo di tempo, passato il quale, lo smartphone proporrà nuovamente quella determinata notifica.
  • Ambient screen: sottolinea la notifica in arrivo con carattere più grande, il nome dell’applicazione evidenziata e l’accesso immediato alle azioni.
  • Deep Color: consente alle applicazioni di riprodurre colori più vivaci e gradienti più sottili.
  • Google Play Protect: controlla periodicamente lo stato di sicurezza del dispositivo, analizzando anche le nuove app installate, in modo da essere tempestivamente informati sulla presenza di qualche applicazione dannosa o rischiosa.
  • Emoji: set completo di emoji differenti dalle precedenti, inclusi oltre 60 nuovi emoji.

  • Adaptive Icons: permette di cambiare velocemente la forma delle icone senza che gli sviluppatori debbano creare nuove icone per le proprie applicazioni.
  • TextView Autosizing:  consente di adattare il testo alla finestra in cui è contenuto.
  • Printing support: supporto alla stampa integrato, compatibile col il 97% delle stampanti commercializzate finora.

Non è ancora ufficiale la lista di smartphone che verranno aggiornati con il nuovo sistema operativo Android 8.0 Oreo, ma quest’ultimo è in dotazione nel nuovo top di gamma Huawei Mate 10 Pro, disponibile in Italia  a metà novembre.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.