Trasformazione Digitale

Digitale, Colao sul PNRR: già stanziati 11 miliardi di euro tra fibra, 5G e altri servizi

Share

Nella mattinata di oggi, 5 luglio 2022, il Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale, Vittorio Colao, ha partecipato a una conferenza stampa per illustrare lo stato di attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), in ambito digitalizzazione e innovazione.

Nel corso dell’evento, trasmesso anche in diretta streaming e tenutosi presso la Sala Stampa della Stampa Estera a Roma (in Via dell’Umiltà 83) Colao ha indicato quella che è la finalità principale del PNRR, ovvero di rendere l’Italia, in circa 5 anni (entro il 2026), migliore, più attraente e più competitiva.

Il Ministro ha, infatti, definito il piano una “somma di interventi“, un vero e proprio strumento per legare in maniera organica un Paese che possa essere in grado di offrire un sistema educativo e di ricerca più forte, una pubblica amministrazione (PA) più digitale e connessa, trasporti più sostenibili, un sistema sanitario e scolastico aperto a tutti e che sia capace di utilizzare al meglio le risorse turistiche e culturali di ogni regione.

Per poter fare ciò, nel 2021 sono stati fissati degli obiettivi digitali, che Vittorio Colao ritiene siano più “aggressivi” rispetto a quelli del Digital Compass europeo, per i quali sono stati stanziati 20 miliardi di euro, di cui 15 sono stati già allocati o assegnati (in particolare, quasi 11 miliardi di euro per il digitale e 4 miliardi per il settore spaziale), tramite un sistema di target, un sistema di milestone (con traguardi intermedi raggiunti nel corso di un progetto) e un metodo appositamente studiato per il PNRR.

Il primo settore d’interesse per il piano è quello delle reti, con il fine ultimo di rendere l’Internet ultraveloce alla portata di tutti e ovunque (tutti i bandi di connettività sono stati chiusi a meno di un anno dal loro lancio).

A tal fine, Vittorio Colao ha dichiarato che l’Italia sarà il primo Paese europeo ad avere il 100% di fibra per il 5G, la copertura includerà il 99% della popolazione e le reti a banda larga saranno al 94% in fibra (grazie ai 6,7 miliardi di euro di investimenti dello Stato a cui si aggiungo i 2,2 miliardi investiti dalle aziende vincitrici dei bandi).

Il Ministro Vittorio Colao (immagine di repertorio)

Il secondo punto del PNRR in ambito digitalizzazione e innovazione riguarda i progetti per la PA (il 77% dei comuni italiani e il 66% delle scuole hanno richiesto i fondi), grazie ai quali, dal 2021 al 2022, i numeri delle piattaforme digitali per la pubblica amministrazione sono più che raddoppiati (da 16 milioni di identità digitali a 31 milioni; da 185 milioni a 528 milioni di transazioni e 30 milioni di download dell’app IO, che verrà potenziata e ingloberà tutti i servizi offerti dallo Stato).

Parte delle risorse del PNRR sono state stanziate per la realizzazione di un Trasformation Office (team composto da 300 persone) che si occuperà di sostenere, supportare e verificare i lavori svolti da tutti i comuni che hanno richiesto i fondi. Uno degli obiettivi in questo settore, poi, è quello di permettere ai cittadini di ottenere, entro il 2023, il domicilio digitale (con pagamenti, documentazione e avvisi direttamente sui device), con l’intenzione di rendere il progetto fruibile per tutta l’Europa.

Il terzo punto del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza riguarda la sanità digitale, con cui si punta all’equità dei servizi offerti e a un accesso facilitato dei dati sanitari (fascicolo sanitario elettronico e piattaforme di televisita e teleconsulto).

In merito alle competenze digitali, invece, il PNRR prevede lo stanziamento di mezzo miliardo di euro, che insieme alle iniziative di training di massa, include anche il “Fondo della Repubblica digitale” (350 milioni di euro), che prevede l’erogazione di fondi a enti che, oltre a formare le persone, le aiutino successivamente a trovare lavoro (primi bandi in autunno 2022 mentre l’erogazione dei fondi avverrà sulla base di dati provati e su un tasso di successo degli enti di almeno il 75%).

Il piano, inoltre, mira al rilancio della leadership italiana nel settore spaziale, con possibili benefici anche in ambito agricolo, logistico, civile e sulla sicurezza.

Il Ministro Vittorio Colao, in ogni caso, è ottimista sul fatto che, dopo le elezioni politiche del 2023, l’architettura del PNRR rimarrà invariata, ritenendo che gli obiettivi di questo piano siano condivisi e, proprio per questo, prescindano dall’orientamento politico di chi si trova o si troverà in futuro al governo.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Disqus Comments Loading...

Post precedenti

TIM copertura 5G: aggiunte 8 nuove città principali e diversi nuovi comuni

Anche nel mese di Agosto 2022, la lista dei comuni coperti dalla rete 5G di…

13 Agosto 2022

Digi Mobil in Italia raggiunge 354000 utenze al 30 giugno 2022

Digi Mobil ha annunciato nella giornata del 12 agosto 2022 i nuovi risultati finanziari aggiornati…

13 Agosto 2022

Vodafone Happy premio settimanale: in regalo un periodo gratuito per audiolibri e podcast

Attualmente e fino a Giovedì 18 Agosto 2022, con il programma fedeltà gratuito Vodafone Happy,…

12 Agosto 2022

Rabona Mobile: bonus ricarica e sconto SIM per il lungo weekend di Ferragosto

Per tutti i clienti Rabona Mobile, in occasione di Ferragosto, previsto per lunedì 15 agosto…

12 Agosto 2022

Torna in Vodafone Silver: minuti anche internazionali, sms e 100 Giga a 6,99 euro al mese

In queste ultime ore, ad alcuni suoi ex clienti che avevano lasciato il consenso alle…

12 Agosto 2022

Aggiornamento Telegram: set di emoji animate personalizzate e Telegram Premium in regalo

Telegram sta aggiornando la sua app ufficiale con: set di emoji animate personalizzate, la nuova…

12 Agosto 2022

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Scorrendo questa pagina, cliccando su un qualunque suo elemento, navigando sul sito e/o utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie