Categorie: Wind TreLa Tredicesima sulle tariffe

TAR Lazio: annullata la multa milionaria a Wind Tre per la fatturazione a 28 giorni

Dopo il caso di Vodafone, è adesso il turno di Wind Tre: il TAR ha reso nota la sentenza sul ricorso proposto da Wind Tre contro l’AGCOM per la delibera del 19 Dicembre 2017 sull’irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria e sullo storno per i giorni non fruiti dagli utenti.

Inoltre, Wind Tre, aveva chiesto l’intervento del TAR anche per l’annullamento delle delibere successive, come quella del 1° Marzo 2018, del 9 Aprile 2018 e del 6 Giugno 2018, con cui si fissava un termine di adempimento al 31 Dicembre 2018.

Con la delibera del 19 Dicembre 2017, si ricorda, l’AGCOM aveva irrogato anche a Wind Tre una sanzione amministrativa pecuniaria per non aver rispettato la cadenza di rinnovo e fatturazione su base mensile o su multipli di esso, disponendo lo storno degli importi corrispondenti al corrispettivo per il numero di giorni di servizio non fruiti, a partire dal 23 Giugno 2017.

Wind Tre aveva immediatamente impugnato la delibera per incompetenza, eccesso di potere e per sviamento, sottolineando che la disciplina della fatturazione mensile andava dettata dalla legge, e che dunque l’AGCOM non poteva regolare la durata del ciclo di fatturazione.

Inoltre, secondo Wind Tre l’Autorità non poteva ordinare il rimborso delle somme, non trattandosi di una misura sanzionatoria, e a riguardo non erano giunte specifiche richieste da parte degli utenti.

Ma le ragioni a difesa di Wind Tre non finivano qui: l’operatore sosteneva che non era stato avviato alcun contraddittorio procedimentale in sede di individuazione del meccanismo di rimborso e che lo stesso non risultava chiaro poiché, nello specifico, non si riscontravano casi di mancata erogazione del servizio.

Inoltre, l’eventuale storno non poteva essere disposto con effetto immediato, ma occorreva fissare un termine ragionevole per l’adempimento.

il TAR aveva accolto la domanda presentata da Wind Tre e l’Autorità aveva disposto la revoca dello storno, imponendo però la posticipazione della data di decorrenza delle fatture per un numero di giorni pari a quelli erosi dalla fatturazione a 28 giorni.

Wind Tre era ricorsa al TAR anche in questa occasione, definendo la delibera illegittima e considerando la posticipazione della fatturazione come uno strumento con il medesimo effetto economico del rimborso.

A questo punto, anche Codacons era intervenuta a tutela della nuova delibera, così come Movimento Consumatori e l’Udicon.

E per finire, l’operatore aveva anche impugnato la più recente delibera del 6 Giugno 2018 con cui si fissava il termine per gli adempimenti al 31 Dicembre 2018, “per eccesso di potere in tutte le figure sintomatiche e per sviamento”.

Alla luce di quanto fin qui esposto, il TAR ha dovuto valutare il caso specifico, con una sentenza pubblicata oggi, 8 Gennaio 2019, a poche ore di distanza dalla notizia della richiesta di modifica della multa ai danni di Vodafone. E per Wind Tre l’esito è il medesimo.

Secondo il TAR, infatti, la sanzione irrogata a Wind Tre, corrispondente al massimo edittale di 1.160.000 euro, va annullata, in quanto “nessuno può essere assoggettato a sanzioni amministrative, se non in forza di una legge entrata in vigore prima della commissione della violazione“. E all’epoca della violazione, la sanzione prevedeva un massimo edittale di 580.000 euro, vale a dire l’esatta metà rispetto alla sanzione effettivamente irrogata.

Per questa ragione, il TAR ha deciso che la sanzione amministrativa vada annullata, fatti salvi gli ulteriori provvedimenti dell’AGCOM sul punto.

Si ricorda che i tanto discussi rimborsi erano previsti per il 2018, ma il Consiglio di Stato ha sospeso la validità delle sentenze del TAR del Lazio, che stabilivano l’obbligo di risarcire gli utenti entro il 31 Dicembre 2018.

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.


Disqus Comments Loading...
Share
Pubblicato da
Alberto Ferrante
Tags: 28 giorniConsiglio di StatoTARagcomcodaconsdeliberafatturazionerinnovo 28 giornisanzionesanzione 1.160.000 eurosanzione amministrativasentenzaudiconswind tre

Post precedenti

  • Wind
  • Offerte Smartphone

Wind Telefono Incluso Per Te: Samsung Galaxy J6 e Huawei Y6 a rate di 0 euro con Giga aggiuntivi

Il brand Wind dell'operatore congiunto Wind Tre, a partire da oggi, Mercoledì 20 Marzo 2019, sta inviando, ad alcuni già…

11 ore fa
  • Operatori di Rete Fissa
  • La Tredicesima sulle tariffe

Rimborsi fatturazione 28 giorni: il Consiglio di Stato rinvia la decisione al 21 Maggio 2019

Ancora un rinvio per la decisione definitiva che riguarda i rimborsi per gli utenti di rete fissa che sono stati…

14 ore fa
  • Tlc
  • Tim

Sparkle: dopo Cartagena, l’azienda apre un nuovo Punto di Presenza anche a Bogotá

Dopo l'annuncio del PoP nella città di Cartegena, nel Nord della Colombia, Sparkle ha annunciato il suo nuovo Punto di…

16 ore fa
  • Tlc

SIMoITel: ad Aprile 2019 sarà attiva la banca dati interoperatore per i clienti morosi intenzionali

Dal mese di Aprile 2019 sarà attiva la banca dati interoperatore SIMoITel, volta a prevenire le morosità "intenzionali" degli utenti.…

16 ore fa
  • Tlc
  • iliad

Iliad in Francia: “non sono stati commessi errori strategici”. Ora si punta sulla differenziazione

Nella giornata di ieri, 19 Marzo 2019, Iliad ha presentato agli stakeholders i suoi risultati finanziari. Anche il CEO Thomas…

17 ore fa
  • Vodafone Adsl&Fibra
  • Open Fiber

Vodafone: a Latina e in altre nuove città disponibile la Fibra FTTH di Open Fiber

Vodafone continua ad espandere la copertura in Fibra FTTH su rete Open Fiber, e di recente ha raggiunto delle nuove…

18 ore fa

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Scorrendo questa pagina, cliccando su un qualunque suo elemento, navigando sul sito e/o utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie