Nuovo investimento di Open Fiber per portare la fibra ultraveloce nella città di Aosta


Anche Aosta è entrata a far parte delle città che, grazie ad una convenzione apposita, in questo caso siglata giorno 29 Ottobre 2018 con Open Fiber, potranno usufruire della copertura di rete a banda ultralarga offerta dalle nuove infrastrutture in cui l’azienda sta investendo.

Secondo il comunicato ufficiale diffuso da Open Fiber, si prevede che l’implementazione della nuova rete possa essere completato entro un anno e mezzo.open fiber

L’accordo è stato esposto dall’Assessore della città con delega alla Smart City, Andrea Edoardo Paron, e dal Regional Manager di Open Fiber per la Val d’Aosta, Giovanni Romano Poggi, e prevede l’investimento di cinque milioni di euro per la creazione della nuova infrastruttura FTTH (Fiber To The Home), grazie alla quale si potrà navigare con una velocità in grado di raggiungere 1 Gigabit al secondo.

L’assessore Andrea E. Paron ha affermato:

“L’investimento di Open Fiber  consegnerà ad Aosta un’infrastruttura moderna e a prova di futuro, che sarà accessibile ai cittadini e alle imprese, nonché alle PA, Enti locali, Regione e Uffici dello Stato, presenti sul territorio comunale. Questa Amministrazione ha posto in particolare rilievo il tema della Smart City, dell’innovazione e della connettività, e l’accordo presentato oggi ci consente di portare avanti i progetti di digitalizzazione per innovare e rendere più attraente e competitiva la nostra città”

Saranno sessanta i chilometri di infrastruttura che sono stati previsti, comprendenti diecimila chilometri di fibra ottica. Una prima convenzione riguardante le modalità di intervento era stata firma nel mese di Luglio 2018, ma l’inizio dei lavori è previsto per la fine dell’anno 2018, per poi estendersi per tutta la durata del 2019.open fiber

Dove sarà possibile, per evitare un negativo impatto sul territorio, Open Fiber utilizzerà cavidotti e infrastrutture già presenti. Allo stesso tempo, gli scavi saranno svolti con una particolare attenzione al basso impatto ambientale.

Il Regional Manager, Ing. Poggi ha commentato così la sigla dell’accordo:

“Siamo molto orgogliosi di portare la nostra rete in FTTH anche qui ad Aosta e ringraziamo l’Amministrazione e gli uffici tecnici comunali per aver compreso il valore del progetto e per la collaborazione dimostrata in queste settimane di lavoro. Il nostro obiettivo è realizzare una rete capillare e un’infrastruttura che abiliti tutti i servizi più innovativi esistenti, dallo streaming online in Hd all’accesso alle piattaforme digitali della Pubblica Amministrazione. C’è un grande impegno da parte di Open Fiber per portare nelle case e negli uffici pubblici e privati della città una rete sicura e ultraveloce”.

Dalla convenzione siglata, è stato previsto che la fibra ultraveloce riuscirà a raggiungere case, condomini, ma anche edifici pubblici di proprietà comunale come scuole, uffici e strutture appartenenti alla pubblica amministrazione, così da favorire i processi di digitalizzazione ed aumentare i servizi per i cittadini.

Open Fiber, in quanto operatore wholesale only, non fornisce i servizi in fibra ottica direttamente ai clienti finali, ma agisce nell’ambito del mercato all’ingrosso, orientandosi quindi nei confronti di tutti gli operatori del mercato, che siano interessati all’offerta servizi basati sulla fibra.Open fiber

In questo momento, l’obiettivo dell’azienda è quello di raggiungere la copertura di tutte le più grandi città del paese, al fine di creare una rete di connessione che possa essere efficiente e possa permettere al paese di crescere ed evolversi verso i modelli dell’industria 4.0.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.