Iliad Italia presente nella lista degli operatori di provenienza quando si effettua la portabilità


[Anteprima MondoMobileWeb] Spunta il nome di “Iliad Italia” nella lista degli operatori da cui effettuare la portabilità. Compiendo una simulazione dal sito ufficiale di TIM è possibile visualizzare Iliad come operatore cedente (donating) nell’operazione di portabilità del proprio numero. Altre segnalazioni sarebbero giunte a noi di MondoMobileWeb.it simulando l’operazione verso altri gestori telefonici.

È possibile confermare intanto l’appartenenza della rete 22250 a Iliad Italia SpA consultando la delibera 26/08/CIR del Ministero dello Sviluppo Economico che ha aggiornato il piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa.

Grazie alle segnalazioni di tutti gli utenti di MondoMobileWeb è stato possibile individuare molte delle zone di copertura della rete del futuro quarto operatore, a cui Wind Tre ha già ceduto alcune attività, in vista degli investimenti previsti per la creazione di una rete propria in futuro.

Si ringraziano Davide, Gioser, Giuseppe e Simone per le prime segnalazioni.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, Google+ e iscriviti gratis nel nostro canale @mondomobileweb dell'App Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus


  • Difficilesaperlo

    Simpatica questa: iniziano ad accogliere gli ex-clienti di Iliad ancor prima che Iliad acquisisca un solo cliente 🤔

  • Nicola Giaimo

    Ma partiranno entro Natale?

  • Gianluca Martucci

    Difficile dirlo ancora. Secondo dichiarazioni ufficiali dovrebbe cominciare ad essere operativo tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018.