Wiko annuncia l’apertura di nuovi uffici a Milano


Per Wiko, il brand francese di telefonia, è iniziato un 2017 di grandi novità: una nuova gamma di smartphone e accessori – presentati in anteprima al Mobile World Congress – una sede tutta nuova in Italia e ben 3 aperture nel mondo. Con 500 dipendenti a livello globale e una solida presenza in più di 30 mercati in tutto il mondo, Wiko da sempre posiziona l’esperienza dell’utente al centro della strategia del brand e rende l’ultima tendenza tecnologica accessibile ai più: esemplari i nuovi WIM e WIM Lite con i quali il brand francese offre la più avanzata esperienza fotografica per i due device che si posizionano al top della gamma, avvalendosi di collaborazioni di alto livello come quella con Qualcomm®, DxO e Vidhance®, tra le più importanti aziende dei settori di competenza.

Grazie alla sua filosofia Game Changer e alla sempre più ampia offerta di prodotti pensati per ogni esigenza e utilizzo, in pochi anni Wiko si è fatta strada nel mondo della tecnologia mobile ottenendo grandi successi, soprattutto in Europa. Solo nel 2016, anno in cui ha celebrato i suoi primi 5 anni, Wiko ha guadagnato un secondo posto tra i brand di telefonia più venduti in Francia1, un quarto nel mercato italiano2 e, nello stesso anno, ha fatto il suo ingresso anche nella Top 5 delle aziende di smartphone in Europa Occidentale3

Soprattutto in Europa, Wiko vuole continuare il suo progetto di espansione territoriale: nel primo trimestre del 2017 il brand francese ha fatto ingresso in Grecia, lanciando le operazioni commerciali sia nel mercato Retail che Operatori con la gamma Ufeel e con il resto della line up. Il mercato greco è così ufficialmente entrato a far parte del grande Hub dell’Europa submediterranea, che già comprendeva la Svizzera, l’intera Regione Adriatica, Malta e Cipro, e che vede l’Italia nel ruolo di cuore operativo e strategico di tutta l’area.

Ed è proprio sul territorio italiano che si riflette il continuo e ambizioso sviluppo dell’azienda: il 2017 è iniziato infatti con un cambio di sede per gli uffici di Milano, trasferiti all’ultimo piano della Torre 2 Garibaldi, nel quartiere tecnologico Porta Nuova della città meneghina, che rappresenta non solo un ampliamento di spazi ma soprattutto la crescita, più in generale, in termini di fatturato e organico di un’azienda giovane che in pochi anni ha saputo distinguersi nell’ampio e variegato settore della telefonia mobile, con risultati esemplari sul mercato italiano.

“L’inaugurazione della nuova sede italiana e l’espansione internazionale riflettono la nostra missione: quella di puntare sempre più in alto,” ha dichiarato Simone Tornaghi, Area Director Wiko Southern Europe. “Gli obiettivi per il 2016 sono stati impegnativi, ma ampiamente raggiunti e le nostre ambizioni di crescita continueranno nel 2017 su tutta l’area, sia in termini di open market che di collaborazione con gli operatori” ha concluso Tornaghi.

Una sana e continua crescita, quella di Wiko, che sempre più coinvolge anche il resto del mondo: il 2017, infatti, ha visto anche l’ingresso in Egitto e in Giappone, mercati molto variegati e dinamici, che rappresentano due nuove e importanti opportunità strategiche per il brand francese.

Comunicato Stampa

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, Google+ e iscriviti gratis nel nostro canale @mondomobileweb dell'App Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus


  • m Arch Tom’s on Bar N Ass

    …. purché sappiano che entro due anni dovranno, come altre aziende del tech industry e telecoms, lasciare la citta’ di milano e trasferirsi in aree piu rurali e disperse nella penisola, in mezzo ai provinciali. due anni e’ il termine che e’ stato dato all’amministrazione di milano per riqualificare la citta’ con miglioramenti sia strutturali che della cultura e societa’ milanese e si’ da esser pronta per le verifiche e i tests da parte di banchieri ( traders/ bankers ) che si occupano di una parte del business della city of london ( enorme mole di lavoro che COL non vorra’ e non dovra’ piu’ elaborare nel regno unito ) per concorrere poi ad accogliere i banchieri per l’europa. DRAFT