FastWeb chiede di annullare la fusione Wind Tre per 7 motivi


FastWeb chiede alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea di annullare la decisione del 1° Settembre 2016 con cui la Commissione Europea aveva autorizzato la creazione di una joint venture paritaria tra CK Hutchison (3Italia) e Vimpelcom (Wind) e l’ingresso del nuovo operatore Iliad (Free Mobile) in Italia.

Il ricorso è stato presentato il 14 Gennaio 2017, ma è stato pubblicato solo oggi sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, FastWeb indica 7 motivi per annullare tutto.

 

1. Primo motivo, vertente su una violazione delle forme sostanziali, del principio di buona amministrazione e di trasparenza e violazione dell’articolo 8 del regolamento riferito. C 70/26 IT Gazzetta ufficiale dell’Unione europea 6.3.2017
.

FastWeb scrive: “Si fa valere a questo riguardo che l’istruttoria della Commissione è viziata da gravi ed evidenti omissioni anzitutto di ordine procedurale, segnatamente: (A) dalle carenze intervenute prima della presentazione degli impegni finali, consistenti nella mancata predisposizione, in presenza di diversi candidati seri interessati al pacchetto di misure, di una procedura trasparente e non discriminatoria in grado di garantire la scelta del migliore candidato e nell’erronea accettazione di un rimedio preventivo “fix-it-first” presentato in una fase troppo tardiva del procedimento; e (B) dalla carenza d’istruttoria intervenuta dopo la presentazione degli impegni finali, in particolare l’omessa valutazione di alcuni aspetti degli stessi (ad esempio riguardo all’accordo di roaming) e di adeguati approfondimenti circa l’idoneità del candidato acquirente, carenze rese più evidenti dall’assenza di market test.”

2. Secondo motivo, vertente su un manifesto errore di valutazione e carenza nell’indagine della Commissione per aver ritenuto l’ingresso di un nuovo MNO sufficiente di per sé a risolvere gli effetti orizzontali della concentrazione, senza considerare i fattori che avevano determinato il successo dell’ingresso di H3G, società controllata di proprietà esclusiva di Hutchinson tramite cui essa opera.

FastWeb scrive: “Si fa valere a questo riguardo che la Commissione, in particolare, non si è preoccupata di verificare se il nuovo MNO disponesse (sia sul mercato al dettaglio sia su quello wholesale) di capacità operative, condizioni economiche e incentivi almeno equivalenti, nel loro complesso, a quelli di cui beneficiava 3Italia, che nei primi anni operava in un mercato in piena espansione. Inoltre, la Commissione avrebbe dovuto prendere in considerazione l’effetto prodotto sulla dinamica competitiva dell’asimmetria della tariffa di determinazione di cui ha beneficiato H3G, che l’ha significativamente avvantaggiato rispetto agli altri MNO.

3. Terzo motivo, vertente su un manifesto errore di valutazione del pacchetto d’impegni.

FastWeb scrive: “Si fa valere a questo riguardo che il confronto con la dotazione di frequenze di H3G pre-fusione di per sé pone seri dubbi circa la sufficienza della dotazione spettrale prevista. Inoltre, la Commissione ha fatto affidamento su eventi futuri e incerti, quali la partecipazione del nuovo MNO alle gare future, senza peraltro tener conto degli elevati oneri connessi all’imminente rinnovo e refarming delle frequenze trasferite. La Commissione ha accettato il trasferimento di
un numero inadeguato di siti facendo affidamento su incerti accordi con le Tower Companies. Infine l’accordo transitorio concluso con le parti notificanti, che ha una struttura basata sulla capacità, diminuisce fortemente l’incentivo a investire.”

4. Quarto motivo, vertente su un difetto d’istruttoria nel fondare l’analisi della concentrazione e degli impegni sull’assunto errato che il prezzo sia il solo fattore competitivo importante nel mercato rilevante.

FastWeb scrive: “Si fa valere a questo riguardo che la Commissione ha ignorato che la qualità e la copertura di rete hanno importanza assimilabile e non avrebbe dovuto limitarsi a un’analisi statica delle preferenze di un campione molto parziale degli utenti, appartenenti alla categoria basso-spendenti. Inoltre ha ignorato l’importanza prospettiva della convergenza, che è decisiva per un nuovo entrante, che necessita di leve aggiuntive rispetto a un operatore consolidato (quale era H3G). La scelta di un acquirente in grado di far fronte alla domanda convergente avrebbe assicurato una maggiore efficacia e sostenibilità degli impegni nel tempo.”

5. Quinto motivo, vertente sull’erronea valutazione dell’idoneità degli impegni a risolvere le preoccupazioni di effetti coordinati sul mercato al dettaglio.

FastWeb scrive: “Si fa valere a questo riguardo che per potere agire in modo veramente aggressivo e «rompere» l’equilibrio collusivo, infatti, il nuovo entrante dovrebbe poter agire in modo indipendente dagli altri MNO. Tuttavia la formula prescelta per la messa a disposizione delle risorse (accordi di roaming e MOCN nazionale) crea una stretta dipendenza fra nuovo MNO e JV per un periodo di tempo esteso. La decisione è inoltre viziata da carenza d’indagine in merito alla compatibilità dei contratti di roaming/MOCN nazionale con l’art. 101 TFUE.”

6. Sesto motivo, vertente sull’inidoneità degli impegni a rispondere alle preoccupazioni concorrenziali sul mercato dell’accesso all’ingrosso.

FastWeb scrive: “Si fa valere a questo riguardo che, in particolare, la Commissione ha commesso un errore nella ricostruzione dello scenario controfattuale e non esigendo alcuna misura specifica, fondandosi esclusivamente sull’affidamento che Iliad avrà un incentivo a offrire tali servizi nonostante l’assenza di misure in tal senso e l’esperienza di tale operatore in Francia. Al contrario, gli impegni incentivano il nuovo MNO ad aggredire e acquisire proprio e solo la clientela di
MVNO.”

7. Settimo motivo, vertente sulla violazione dell’articolo 8, par. 2, del regolamento n. 139/2004 e la violazione del principio di buona amministrazione.

FastWeb scrive: Si fa valere a questo riguardo che la Commissione ha accettato Iliad come acquirente idoneo senza prendere in considerazione i rischi per l’efficacia degli impegni inerenti all’ingresso di un operatore con le sue caratteristiche e per non aver previsto garanzie adeguate negli impegni, in particolare con riferimento alla qualità/copertura della rete”

Via

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, Google+ e iscriviti gratis nel nostro canale @mondomobileweb dell'App Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus


  • Stefano

    Qualcuno può tradurre in lingua profana?

  • Natale Giuliano Mainieri

    Così in due parole: “ci rode il ciulo, incentiamoci 7 motivi per fermare una cosa che porta vantaggi ai consumatori”

  • Stefano

    LoL

  • ancesurfer

    Il tutto sembra molto pretestuoso…Quasi una causa temeraria….

  • daniele

    Ottimo meglio x i consumatori

  • daniele

    Tutto da vedere. Offerte top da 3 non ne vedo piú…alias cartello..

  • m Arch Tom’s on Bar N Ass

    e’ comprensibile che fastweb voglia e debba ” farsi i cazzi suoi ” tuttavia, avrebbe pero’ dovuto presentare il ricorso entro il 4 dicembre dello scorso anno ( e ” collegare l’esito della valutazione all’esito del referendum per le riforme che ha poi cassato renzi – sarcastico ) In quel caso avremmo certamente potuto annullare la decisione iniziale.

  • Natale Giuliano Mainieri

    Come se 3, prima della fusione, non avesse mai fatto cartello…
    La speranza è Liad e Fastweb la vuol tenere fuori per pararsi il ciulo!

  • carlo bibbo

    Fatte sta rosicando perché voleva entrare lei. Ma se ne può andare a quel paese, lascia fare a chi del mobile ne sa qualcosa. Fastweb e una compagnia da chiudere e basta

  • Tiwi

    che la fusione non sia stata gestita nel migliore dei modi, ormai ne sono quasi convinto..
    wind e 3 si sono unite ora, la rete inizierà ad essere unita per metà-fine anno, e free??
    insomma, le cose sono state gestite un po cosi, e forse per i consumatori, almeno per ora e per i prossimi 2-3 anni, non ci sarà un reale vantaggio, e chissa se ce ne sarà mai..

    la questione di fastweb ci starebbe pure, peccato che si sono ricordati troppo tardi di intervenire..e ormai le 2 società sono già praticamente unite..
    chissa come andrà a finire..

  • Loris

    Intanto io mi godo la mia sim fastweb, 6gb a 6 euro al mese sotto rete Tim. Alla faccia della fusione Wind 3,che tanto prenderà sempre meno di Tim o Vodafone… 😀 fastweb deve chiudere? Sveglia.

  • Natale Giuliano Mainieri

    Si sono ricordate quando hanno realizzato che non avrebbero potuto beneficiarne loro!