Call Center: 1° Febbraio 2017 sciopero nazionale delle telecomunicazioni


Come era stato già annunciato dalle Segreterie Nazionali in base al mancato accordo del rinnovo del Contratto Collettivo nazionale di Lavoro Nazionale delle Telecomunicazioni con ASSTEL, Mercoledì 1° Febbraio 2017 hanno dichiarato il primo sciopero nazionale 2017 per l’intero turno di lavoro (8 ore) per tutto il personale del settore delle telecomunicazioni.

Tale iniziativa potrà essere causa di alcuni ritardi nell’erogazione dei servizi di cui le aziende si scusano fin da ora; restano tuttavia garantiti, ai sensi delle vigenti disposizioni di regolamentazione dello sciopero, i servizi minimi di rete, di supporto al cliente (customer care) e di assistenza tecnica.

In un comunicato stampa delle Segreterie Nazionali Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom:

Le Segreterie Nazionali ribadiscono la grande distanza esistente sui temi della normativa, degli orari di lavoro, del part‐time, delle flessibilità, della classificazione professionale, così come la netta contrarietà alle proposte avanzate da ASSTEL sul superamento degli automatismi (scatti di anzianità) e sull’introduzione di soglie di accesso per il pagamento dell’Elemento di Garanzia. Allo stesso modo si ribadisce il tema fondamentale del modello contrattuale confermando che, in assenza di un protocollo condiviso tra Confederazioni Sindacali e Confindustria, esso debba essere in continuità con quanto fino ad oggi realizzato nell’ambito della nostra categoria. Le grandi vertenze che si stanno susseguendo nel settore vedono mettere a rischio migliaia di posti di lavoro sia nel comparto di customer care che in quello della rete, così come la dispersione di professionalità fondamentali per l’innovazione e lo sviluppo del Paese. Contemporaneamente TIM ha dato disdetta degli accordi aziendali fino ad oggi esistenti. Siamo quindi di fronte ad una politica di messa in discussione, nei fatti, del CCNL e al contempo della contrattazione aziendale. Un rinnovo di contratto per un settore che è il perno dell’innovazione del Paese deve basarsi su adeguate basi economiche, su un sistema bilaterale della formazione in grado di sostenere l’occupabilità e la rioccupabilità all’interno del comparto, su un sistema di welfare avanzato.

In questi giorni, prima del 1° Febbraio 2017, si svolgeranno le Assemble Sindacali per i lavoratori per spiegare le ragioni dello sciopero nazionale.

Pur avendo gran rispetto per la professionalità dei lavoratori situati fuori dal territorio italiano, è fuori di dubbio che la delocalizzazione sta creando grossi problemi economici in Italia. Ancora oggi non è arrivata nessuna implementazione, come era stato previsto dal Ministero dello Sviluppo Economico (vediIl consumatore potrà scegliere di interagire con un consulente situato in Italia“), ci auguriamo che questa situazione si possa risolvere presto.

Via1, Via2

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, Google+ e iscriviti gratis nel nostro canale @mondomobileweb dell'App Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus