Fondazione Vodafone: Enrico Resmini nuovo Presidente. Alex Zanardi e Elita Schillaci entrano nel Comitato Scientifico


fondazionevodafoneIn occasione del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Vodafone, sono stati nominati i nuovi consiglieri, ed Enrico Resmini, Direttore Ultrabroadband, Wholesale and Strategy di Vodafone Italia, è stato eletto Presidente. Enrico Resmini, succede ad Alex Zanardi, che dopo aver guidato la Fondazione Vodafone per 3 anni, entra nel Comitato Scientifico della Fondazione Vodafone, dove contribuirà all’elaborazione delle strategie di investimento, nonché alla selezione e valutazione dei progetti di cui Fondazione Vodafone si farà sostenitrice.

Enrico Resmini (Presidente Fondazione Vodafone Italia 2016)

Enrico Resmini (Presidente Fondazione Vodafone Italia 2016)

Enrico Resmini è Direttore Ultrabroadband, Wholesale and Strategy di Vodafone Italia da settembre 2014, con l’incarico di guidare i progetti di trasformazione aziendale, l’evoluzione della banda ultralarga e l’offerta wholesale, insieme alla definizione delle strategie di medio e lungo periodo dell’azienda in Italia. Entrato in Vodafone nel 2012, Resmini ha ricoperto il ruolo di Direttore Residential, con la responsabilità dei servizi di telefonia fissa di Vodafone dedicati alle famiglie italiane. Vanta una lunga esperienza nel campo della consulenza strategica. Dal 1995 in McKinsey & Company Italy, a partire dal 2005 ha ricoperto il ruolo di Partner guidando importanti progetti nei settori delle Telecomunicazioni e dei Media. Laureato in ingegneria aeronautica, ha conseguito un Master in Business Administration presso l’Insead di Fontainebleau. Enrico Resmini è nato a Oakland (USA) nel 1968, è sposato e ha tre figli.

Il Comitato Scientifico, coordinato da  Antonio Bernardi, si arricchisce, insieme ad Alex Zanardi, di una nuova autorevole rappresentante esterna: Carmela Elita Schillaci, Professoressa Ordinaria di Economia e Gestione delle Imprese presso l’Università degli Studi di Catania, esperta di imprenditorialità, innovazione e high-tech.

Sono stati confermati gli incarichi agli altri membri del Comitato Scientifico, Simonetta Matone (Sostituto Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Roma), Juan Carlos de Martin (Professore universitario ed editorialista de La Repubblica), Paola Severino (giurista, già Ministro della Giustizia), Luciano Violante (Professore universitario, già presidente della Camera dei Deputati).

Il nuovo Consiglio di Amministrazione è composto da esponenti del management di Vodafone Italia. Maria Cristina Ferradini, confermata Consigliere Delegato, e i seguenti consiglieri: Alessandra Antonelli, Augusto Bandera, Silvia de Blasio, Donatella Isaia, Gianluca Marini, Quang Ngo Dinh, e Costanza Tarola.

Fondazione Vodafone Italia ha deliberato lo stanziamento di 5,8 milioni di euro per progetti sociali per l’anno fiscale 2016/2017. Dal 2002 ad oggi, Fondazione Vodafone Italia ha investito circa 85 milioni di euro in attività di servizio e di solidarietà sociale a favore della comunità e in particolare delle persone più svantaggiate, per un totale di oltre 400 progetti sostenuti su tutto il territorio nazionale. Da sempre attenta alla crescente domanda di innovazione sociale proveniente dal mondo del non profit, Fondazione Vodafone Italia si è impegnata nella promozione del digitale nel Terzo Settore.

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus